Fiorini Giuliano


Giuliano Fiorini

Articoli correlati


Attaccante, nato a Modena il 21 gennaio 1958 e deceduto a Bologna il 5 agosto 2005.

Inizia nel Bologna con il quale esordisce a diciassette anni in Serie A. Viene mandato in prestito al Rimini, al Brescia, Foggia ed al Piacenza in serie C1, dove vince la classifica cannonieri 1979/80 con 21 reti. Torna a Bologna, dove resta per tre stagioni, prima di passare al Genoa (tre stagioni intervallate da una nella Sambenedettese). La Lazio lo acquista nel 1985 dal Genoa. Disputa 2 stagioni in maglia biancoceleste in cui colleziona 48 presenze e 10 reti in Campionato.

Nel 1987, con la Lazio penalizzata di 9 punti dalla giustizia sportiva, segna all'Olimpico il goal che permette alla Lazio di accedere agli spareggi di Napoli per restare in Serie B nella partita terminata 1-0 contro il L.R. Vicenza. In seguito passerà al Venezia, poi al Siena ed alla Ternana. Gravemente malato ai polmoni scompare prematuramente a soli 47 anni.

Giuliano Fiorini, centravanti generoso, romantico e imprevedibile, in parte genio e in parte sregolatezza (era un fumatore incallito), pur restando soltanto due stagioni alla Lazio è assurto a simbolo di combattività e ostinatezza nel voler salvare la Lazio nonostante i 9 punti di penalizzazione avuti in seguito ad una discussa decisione della giustizia sportiva. Il suo pianto dirotto e la sua corsa verso i tifosi dopo il gol segnato al Vicenza, costituiscono uno degli episodi topici della storia biancoceleste e, in quanto tale, divenuto patrimonio collettivo dei sostenitori biancocelesti.



Articoli correlati:

Il Giuliano Fiorini Day del 26 maggio 2014





Torna ad inizio pagina