Ramella Luciano


Luciano Ramella

Centrocampista, nato a Pollone (Bi) il 10 aprile 1914, morto nel 1990. Cresciuto nelle giovanili della Juventus, passa alla Pro Vercelli da cui lo preleva nel 1938 la Lazio. Rimane 8 stagioni in maglia biancoceleste, ma nell'ultimo anno di guerra rimane al nord e gioca con il Como, squadra di cui è anche allenatore. Torna poi a Roma dove rimane, giocando però una sola partita, fino al 1947. Rimane però negli organici della società biancoceleste fino al 1951. Con l'allenatore Sperone, a Rio de Janeiro al seguito della Nazionale Italiana, è lui, coadiuvato da Alfredo Notti, a guidare la squadra nella tournée del giugno 1950 in Spagna e Portogallo per la disputa del Trofeo Teresa Herrera e della Coppa Latina. Gioca 1 partita nella Nazionale B.

Con la Lazio colleziona 132 presenze e 2 reti in Campionato.

Finita la carriera si trasferisce in Brasile e compra un piantagione di caffè in cui più tardi entrerà come socio anche Gualtieri. Nel 1951 Ramella e Gualtieri accettarono l'invito di un capoferroviere di una stazione vicina alla piantagione dei due ex calciatori che, lazialissimo, aveva fondato una società chiamata "Forza Lazio" e giocarono in questa squadra così bene da farle vincere il campionato regionale. Per ricompensa il ferroviere mise a disposizione dei due amici alcuni vagoni merci su cui venivano caricati legname e sacchi di caffè da loro prodotti. Inoltre regalò loro dei trattori e un gruppo elettrogeno.

E' stato uno dei migliori centrocampisti che abbia avuto la Lazio. Determinato, instancabile, con grande visione di gioco, modesto e determinato, rimase sempre molto legato alla società biancoceleste, anche perché aveva sposato la figlia del vicepresidente Bitetti e collaborò con il presidente Zenobi alla fine degli anni 40, segnalando alla Lazio i migliori giocatori sudamericani.

Fu anche di grande aiuto nella tournée della Lazio in Brasile nel 1957. L'anno precedente Ramella e Gualtieri collaborarono con la Federazione italiana per l'organizzazione della partita Brasile-Italia. Questa la dichiarazione rilasciata dai due ex giocatori a chi li intervistava: "Azzurro è il colore della Patria, ma lo è anche della Lazio. Per far prima abbiamo preferito gridare «Forza Lazio»".

Palmares

  • 1 Coppa.png Campionato Romano di guerra 1943/44







Torna ad inizio pagina