Ricciardi Alfonso


Alfonso Ricciardi

Allenatore e dirigente, nato ad Avellino il 21 ottobre 1913. E' scomparso nel 1980.

E' stato portiere dell'Avellino, del Campobasso, della Salernitana (4 anni), del Bari (3 anni), del Milan (2 anni). Nel maggio 1937, é il portiere del GUF Napoli che si aggiudica la VI edizione dei Littoriali, sconfiggendo in finale il GUF Torino per 3 a 2. Nel 1944 è stato giocatore-allenatore nel Seregno e quindi, sempre come allenatore, all'Avellino, al Campobasso ed al Livorno dove dal 1952 al 1955 ha ricoperto l'incarico di Direttore sportivo ed amministrativo. Lascia il Livorno per diventare il segretario nella Lazio. Nel 1956, dopo il passaggio del direttore sportivo Alberto Valentini all'Inter, assume ruoli manageriali e organizzativi su incarico del presidente della Lazio Calcio Costantino Tessarolo. Allena la Lazio nel Campionato 1961/62 a partire dalla 21^ giornata in sostituzione di Paolo Todeschini. Dopo sole 7 giornate viene sostituito con Carlo Facchini. Ricciardi, pur avendo giocato in squadre di Serie B, non aveva esperienze pregresse come allenatore e nella Lazio svolgeva il ruolo di segretario. Fu il confuso presidente Massimo Giovannini a gettarlo improvvidamente in panchina nonostante i dubbi espressi dallo stesso Ricciardi. Nelle 7 gare ha ottenuto 1 vittoria, 3 pareggi e 3 sconfitte.





Torna ad inizio pagina