Domenica 13 febbraio 1977 - Torino, stadio Comunale - Juventus-Lazio 2-0

Da LazioWiki.

Stagione

Turno precedente - Turno successivo

13 febbraio 1977 - 1917 - Campionato di Serie A 1976/77 - XVI giornata

JUVENTUS: Zoff, Cuccureddu, Cabrini, Furino, Morini, Scirea, Causio, Tardelli, Boninsegna, Benetti, Bettega. (12° Alessandrelli, 13° Spinosi,14° S.Gori). All. Trapattoni.

LAZIO: F.Pulici, Pighin, Ammoniaci, Wilson, Manfredonia, Cordova, Garlaschelli, Martini (55' Viola), Giordano, D'Amico, Badiani. (12° Garella, 13° Ghedin). All. Vinicio.

Arbitro: Sig. Ciacci di Firenze.

Marcatori: 40' Tardelli, 78' Boninsegna (rig).

Note: giornata di sole, terreno in buone condizioni. Ammoniti: Giordano, Ammoniaci, Cabrini, e Garlaschelli. Antidoping per Zoff, Cuccureddu, Boninsegna, Pulici, Pighin, e Garlaschelli. Presente in tribuna il C.T. Bearzot e l'allenatore del Magdeburgo Urbanczyk. Esordio in serie A per Cabrini.

Spettatori: 36.000 circa (14.300 abbonati). Incasso £. 101.500.529.

Il biglietto della gara
Tardelli prova a sorprendere la difesa
Un'azione della gara
L'esordiente Cabrini si libera di Viola
La prima rete bianconera

Troppo forti i bianconeri per una Lazio che, ormai non vede più un successo da tre mesi. I biancazzurri escono sconfitti dal Comunale di Torino dopo una gara senza storia anche se sono riusciti a resistere, e bene, per quasi tutto il primo tempo. La Juventus inizia in attacco e la prima azione è di Bettega che salta Pighin e di destro impensierisce Pulici. La prima vera azione da goal la registriamo al 26', quando Wilson salva sulla linea un tiro di Causio a colpo sicuro. La gara si gioca prevalentemente a centrocampo ed al 40' la Juventus passa in vantaggio: l'esordiente Cabrini serve Tardelli che scatta in area e la sua azione è talmente veloce che nessuno riesce a contrastarlo, tanto che supera Pighin e Manfredonia e con un poderoso destro batte Pulici. La Lazio accusa il colpo ma ha la grande occasione per pareggiare 60 secondi dopo quando Garlaschelli impegna Zoff in una difficile parata.

La ripresa inizia con i bianconeri che controllano la gara senza grossi affanni. Di Boninsegna è la prima occasione per raddoppiare, ma l'attaccante, dopo aver superato Badiani calcia di interno sinistro con la palla che finisce fuori. La Lazio prova ad imbastire qualche azione ma gli avanti sono ben chiusi dai difensori piemontesi. Al 78' arriva il raddoppio bianconero: Cabrini è steso in area da Pighin, l'arbitro assegna il calcio di rigore che Boninsegna batte spiazzando Pulici alla sua sinistra. La gara praticamente finisce qui perché la compagine bianconera è troppo più forte di questa Lazio che comunque si batte con onore. L'ultimo sussulto è per la Lazio con Zoff che para un bel tiro di D'Amico. Giunge poi il triplice fischio finale e tutti vanno sotto la doccia, pensando alla prossima gara.