Domenica 24 novembre 1968 - Roma, stadio Olimpico - Lazio-Spal 1-1

Da LazioWiki.

Stagione

Turno precedente - Turno successivo

24 novembre 1968 - Campionato di Serie B 1968/69 - VIII giornata

LAZIO: Di Vincenzo, Zanetti, Onor, Rinero, Soldo, Marchesi, Massa, Dolso (58' Morrone), Fortunato, Ghio, Cucchi. A disp. Fioravanti. D.T. Lorenzo. All. Lovati.

SPAL: Cantagallo, Ranzani, Tomasin, Antonioli, Pagni, Boldrini, Dell'Omodarme, Bean (76' Bertuccioli), Orlando, Parola, Palazzese. A disp.: Cipollini. All. Montanari.

Arbitro: Sig. Branzoni di Pavia.

Marcatori: 12' Antonioli, 35' Ghio.

Note: temperatura fredda, campo in discrete condizioni. Ammoniti Antonioli e Orlando.

Spettatori: circa 25.000 con 16.215 paganti e 6.170 abbonati per un incasso di £.21.362.900.

"Un avversario scorbutico, una partita rognosa": questo è il commento più gettonato dai tifosi e dalla critica sportiva al termine di Lazio-Spal. Dopo le goleade delle prime partite interne e il successo a Mantova, il pareggio interno è accolto con rammarico, ma nel lungo campionato di serie B un punto, al tirar delle somme, fa sempre comodo. Lorenzo rinuncia a Mazzola (II) alle prese con una contrattura e manda in campo Dolso. Sono gli ospiti a fare la partita dopo che la Lazio ha avuto una fiammata iniziale con Ghio protagonista. Al 12' il vecchio Dell'Omodarme supera in slalom Dolso e Cucchi e serve in area Antonioli che batte Di Vincenzo con un diagonale rasoterra. Lorenzo cambia alcune marcature, ma gli impacci della squadra continuano soprattutto a centrocampo. Per fortuna Cucchi si danna l'anima e Ghio in avanti fa molto movimento mentre l'altra punta (Fortunato) viene tenuta a bada dall'ex Pagni. Al 22' una girata di capitan Zanetti finisce a lato e quattro minuti dopo Ghio sfiora di testa il palo di Cantagallo. Lazio che insiste e Spal sempre di più sulla difensiva. Al 35' giunge la parità. Su angolo battuto da Massa, Dolso pennella un morbido spiovente: Ghio si avvita in aria e anticipa tutti mettendo in rete. Si tira un sospiro di sollievo e si spera nella ripresa. Ghio, rinfrancato dalla segnatura, è scatenato e Cantagallo al 57' para in due tempi un suo tiro e quindi è Ranzani a deviare una sua conclusione. Fuori Dolso, a corrente alternata la sua prestazione, e dentro Morrone al 58'. Spal tignosa in marcatura e completamente schierata nella sua metà campo. Gli avanti della Lazio le provano tutte, ma il muro degli ospiti tiene duro. A un minuto dal termine della contesa l'occasione per farcela la crea Massa, ma la conclusione del napoletano non sorprende l'attento Cantagallo. Ottima la prova di Ghio che sempre meglio si adatta agli schemi di Lorenzo; bene in difesa Zanetti e Soldo.



Torna ad inizio pagina