Domenica 9 marzo 1969 - Como, stadio Sinigaglia - Como-Lazio 0-0

Da LazioWiki.

Stagione

Turno precedente - Turno successivo

9 marzo 1969 - Campionato di Serie B 1968/69 - XXIII giornata

COMO: Lonardi, Trinchero, Paleari, Vannini, Magni, Nocentini, Cattaneo (67' Franzoni), Lambrugo, M.Musiello, Pittofrati, Comini. A disp.: Rigamonti. All. Viviani.

LAZIO: Fioravanti, Zanetti, Facco, Governato, Soldo, Marchesi, Massa, Mazzola (II), Fortunato (56' Morrone), Ghio, Cucchi. A disp.: Leardi. D.T. Lorenzo. All. Lovati.

Arbitro: Sig. Genel di Milano.

Note: giornata splendida, temperatura primaverile; campo irregolare. Ammoniti: Trinchero e Cucchi. Calci d'angolo: 5-5.

Spettatori: 9.500 con 7.294 paganti per un incasso di £.10.421.700.

Un tiro di Mazzola parato da Lonardi

Una Lazio accorta, senza molti fronzoli, riesce a portare via un prezioso pareggio dal "Sinigaglia". Il Como, che ha avuto diverse battute a vuoto negli ultimi turni, si batte con generosità tenendo l'iniziativa per oltre un'ora di gioco, ma i biancocelesti tengono bene con una difesa puntuale in marcatura e ben diretta dal libero Marchesi. Lariani pericolosi al 13' con un tiro da lontano di Musiello e più tardi con lo scattante Comini su cui rimedia di giustezza capitan Zanetti. Finalmente dopo la mezz'ora la Lazio si distende bene in avanti con una combinazione Cucchi-Ghio-Fortunato che però perde l'attimo fuggente al momento di concludere. Dopo un altro tiro dalla distanza di Paleari, non lontano dalla confluenza dei pali, Mazzola (II) su punizione costringe Lonardi a un grande intervento. Dal calcio d'angolo che ne segue Facco stacca bene di testa, ma non inquadra lo specchio della porta. Al ritorno in campo si registra qualche durezza di troppo con l'arbitro Genel che si dimostra assai tollerante. Al 62' l'unico vero pericolo per Fioravanti, ma il giovane portiere inchioda a terra con buon riflesso un pallone schiacciato a terra dalla testa di Musiello. Il Como si spegne e la Lazio viene fuori tentando qualche sortita. L'occasione migliore è al 74' con un tiro da 25 metri di Mazzola (II) che Lonardi, atterrito, vede uscire a fil di palo. Sino all'ultimo i biancocelesti provano a prendersi i due punti, ma la difesa comasca stringe i ranghi e tiene il pari che alla fine rende tutti contenti.

Nella giornata si registrano alcune sorprese come il successo del Catanzaro a Bari e il pareggio interno del Genoa col Modena e la classifica alla 4° di ritorno è la seguente: Brescia (p.32), Lazio (p.29), Reggiana (p.28), Genoa (p.27), Reggina e Bari (p.26), Ternana (p.25), Como, Foggia e Catania (p.24), Perugia (p.22), Spal (p.21), Livorno, Lecco e Catanzaro (p.20), Mantova, Monza e Padova (p.19), Modena (p.18), Cesena (p.17).