Pansolli Clemente

Da LazioWiki.

Clemente Pansolli
L'atto di nascita di Pansolli
"La Gazzetta dello Sport" del 16 luglio 1906 riferisce di una visita al giornale dei due podisti della Lazio Tosti e Pansolli. Quest'ultimo è erroneamente riportato come Ponzoli
Clemente Pansolli nel 1911
(Gent. conc. Marco Impiglia)

Pioniere

Atleta podista, nato a Roma il 5 dicembre 1884 in Via Mazzini 10, 2° piano, da Sabatino e Nunziato Concetta e deceduto per malattia aggravatasi in guerra il 23 ottobre 1918.

Di professione decoratore artistico e già allievo del maestro Rovescalli. Partecipa con la maglia della Lazio a numerose gare di marcia ottenendo ottimi risultati. Nell'estate 1911 parte da Roma e arriva a Londra in un mese portando un messaggio del Comitato dell'Expo universale al primo ministro Inglese. In seguito gareggia per l'U.S.Milanese. Dopo lo scoppio della Prima Guerra Mondiale risultò che il 3 dicembre 1916 fu riformato alla visita medica. Arruolato come soldato del 90° Reggimento Fanteria. Sul suo ruolino militare in seguito venne riportato che il 3 maggio 1918 è visitato all'ospedale militare di Milano, città in cui aveva dichiarato di risiedere. Viene visitato dal direttore del nosocomio che annota: Di seguito alla visita militare dal direttore ospedale Milano in data 3 maggio, è abile arruolato di 1^ cat. e aggregato ai servizi sedentari in modo permanente per ernia inguinale sinistra. Le annotazioni sul ruolino proseguono cosi: Il 4 maggio è chiamato alle armi e non è giunto a destinazione senza giustificato motivo. Il 25 luglio si costituisce spontaneamente al Distretto militare di Milano e il successivo 23 settembre è chiamato a comparire davanti al Tribunale Militare di Roma. E' sepolto nel Sacrario Militare del Cimitero del Verano a Roma. Fu anche discreto pittore dilettante.



Il 14 giugno 1911 la Gazzetta dello Sport riporta che Clemente Pansolli ha concluso la Marcia delle Capitali (Torino-Firenze-Roma) di oltre 724 km compiuti in quasi 186 ore. L'atleta biancoceleste compì anche una marcia che lo portò da Roma a Londra





Torna ad inizio pagina