Chinellato Bruno


Bruno Chinellato

Centocampista, nato a Mestre (VE) il 1 novembre 1946 e deceduto a Marina di Massa (GR) il 4 settembre 2008.

Cresciuto nella Mestrina, con cui gioca dal 1964 al 1967, passa all'Alessandria dove rimane fino al termine del campionato 1969/70. Nell'estate 1970 viene acquistato dalla Lazio, unitamente ai compagni di squadra Gaetano Legnaro e Avelino Moriggi. In maglia biancoceleste trova poco spazio e nel corso dell'unica stagione disputata riesce a collezionare solo 6 presenze in serie A, impreziosite da una rete realizzata nella pesante sconfitta di Foggia (5-2 per i satanelli pugliesi). Si toglie comunque la soddisfazione di vincere la Coppa delle Alpi e il Campionato De Martino disputando 10 delle 29 partite totali della competizione.

Nel 1971/72 viene ceduto in prestito al Lecco dove disputa un'ottima stagione con 38 presenze e 10 reti. L'anno seguente rimane sempre sulle rive del Lario. La Lazio infatti lo cede al Como. Successivamente la sua carriera prosegue nelle categorie minori: 2 anni alla Salernitana, 2 al Grosseto, 1 al Giulianova ed infine 2 al Sorrento con cui chiude la carriera da calciatore. Si stabilisce quindi a Grosseto e, diventato allenatore, guida alcune squadre minori del maremmano, il Batignano e il Casottomarina, prima di sedere per un anno (1984/85) sulla panchina del Grosseto. Con la Lazio colleziona 6 presenze e 1 rete in Campionato e 4 presenze in Coppa delle Alpi. Muore per una grave malattia al pancreas.



Palmares





Torna ad inizio pagina