Domenica 19 settembre 1971 - Roma, stadio Olimpico - Lazio-Ternana 2-0


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

19 settembre 1971 - 1693 - Coppa Italia 1971/72 - Girone 6 gara 4

LAZIO: Bandoni, Facco, Legnaro (46' Oddi), Wilson, Papadopulo, Martini, Manservisi, Massa, Chinaglia, Nanni, Fortunato (77' Dolso). A disp.: Di Vincenzo, Polentes, Gritti. All. Maestrelli.

TERNANA: Migliorini, Pandrin (64' Brutto), Benatti, Mastropasqua, Rosa, Marinai, Cardillo, Valle, Zeli, Russo, Cucchi. A disp.: Geromel, Jacolino, Quirini, Fabbri. All. Viciani.

Arbitro: Monti (Ancona).

Marcatori: 10' Nanni, 58' Massa.

Note: pomeriggio caldo, terreno in buone condizioni. Prima dell'inizio dell'incontro Chinaglia ha premiato con una medaglia d'oro Silvio Piola presente allo stadio con numerosi compagni di squadra di un tempo.

Spettatori: 30.000 per un incasso di £.34.552.200.

La Lazio battendo per 2 a 0 la Ternana approda alla fase finale della Coppa Italia con un ruolino invidiabile di tre vittorie e un pareggio, 6 reti segnate e una sola subita. E' l'unica compagine di Serie B, quella biancoceleste, ad essere riuscita ad andare avanti. Quando il torneo riprenderà nella tarda primavera si troverà di fronte le altre squadre qualificate che sono: Milan, Inter, Juventus, Napoli, Bologna, Fiorentina oltre al Torino, ammesso di diritto in quanto detentore del trofeo. E' una Ternana ostica quella che scende in campo all'Olimpico e che pochi giorni prima è uscita indenne nel confronto con la Roma di Helenio Herrera. La squadra di Viciani pratica un gioco molto raccolto con un centrocampo ottimamente organizzato con il quartetto composto da Cucchi, Marinai, Valle e Russo. Il vantaggio giunge al 10' con un bel colpo di testa di Nanni che raccoglie una punizione al bacio battuta da Fortunato.

Rispondono con decisione gli ospiti con tre occasioni pericolose sventate da Bandoni e da un pizzico di fortuna quando un colpo di testa dell'effervescente Cardillo pizzica il palo esterno della porta biancoceleste. Si va al riposo tra i mugugni dei tifosi indispettiti per lo spettacolo modesto offerto dai propri beniamini. Maestrelli scuote la squadra negli spogliatoi e la musica cambia alla ripresa del gioco. Al 58' Massa riesce a raddoppiare al termine di uno spunto personale. Da quel momento la Lazio, più serena per il doppio vantaggio, sviluppa un gioco più piacevole. E' lo stesso "Peppiniello" a cogliere un palo poco dopo e quindi tocca a Fortunato rendersi pericoloso. Al 60' però la Ternana ha l'occasione per rientrare in partita quando l'arbitro concede un calcio di rigore per un fallo di mani commesso da Wilson nella propria area. Cardillo spiazza il portiere ma centra la base del palo. Vani sono poi i tentativi di Chinaglia di entrare nel tabellino dei marcatori. Finisce tra gli applausi dei trentamila dell'Olimpico e il biglietto vidimato per la Coppa Italia è un ottimo viatico per il Campionato ormai prossimo ad iniziare.



Torna ad inizio pagina