Domenica 1 aprile 1962 - Roma, stadio Flaminio - Lazio-Reggiana 1-0


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

1 aprile 1962 - Campionato di Serie B 1961/62 - XXIX giornata - inizio ore 15.30

LAZIO: Cei, Zanetti, Eufemi, Noletti, Seghedoni, Gasperi, Longoni, Landoni, Pinti, Morrone, Maraschi. All. Facchini.

REGGIANA: Ferretti, Martiradonna, Robbiati, Ferri, Grevi, Corsi, Correnti, Greatti, Volpi, Catalani, Savoldi. All. Del Grosso.

Arbitro: sig. Gambarotta di Genova.

Marcatori: 18' Morrone.

Note: tempo bello, terreno in buone condizioni. Calci d'angolo: 6-3 a favore della Lazio.

Spettatori: 20.000 circa con 11.000 paganti per un incasso di £. 7.500.000.

Torna al successo la Lazio dopo un mese e mezzo di digiuno; risolutore è il suo cannoniere Morrone a secco dal 14 gennaio. Partita dai toni tecnici molto modesti che i padroni di casa si assicurano con fatica e con un goal assai fortunoso. Facchini, da una settimana alla guida della squadra, sceglie nel ritiro di Ostia i nomi di Noletti e Longoni che vincono così la concorrenza rispettivamente di Mecozzi e Bizzarri. Al 2' Cei si salva con i piedi da una pericolosa incursione di Greatti e Catalani. Al 12' un involontario fallo di mano di Ferri blocca un triangolo stretto in area tra Landoni e Morrone. Poco più tardi arriva il goal decisivo. Prolungata azione dei biancocelesti conclusa da Gasperi il cui tiro è respinto in modo fiacco e maldestro da Grevi: pallone che arriva docile tra i piedi di Morrone che non si lascia pregare per gonfiare la rete difesa da Ferretti. Succede poco nel resto del primo tempo se non un'occasione sprecata da Pinti e un risolutivo intervento di Noletti a sbrogliare una mischia furiosa nell'area romana. A inizio ripresa il tecnico Del Grosso fa avanzare il mediano Ferri e la Reggiana inizia a comandare il gioco. Cei inizia con Greatti un duello personale. Parata sicura al 46' e intervento più impegnativo al 64'. Dopo un'uscita coraggiosa di Ferretti su un lanciatissimo Morrone è ancora il portiere della Lazio a sventare un' insidiosa conclusione del vitalissimo Greatti. Succede poco negli ultimi venti minuti e il successo riavvicina la Lazio a quel terzo posto che significherebbe serie A.

Il goal di Morrone
La cronaca della gara sella "Gazzetta di Reggio Emilia"