Domenica 24 agosto 1969 - Roma, stadio Olimpico - Lazio-Fiorentina 0-2


Stagione

Amichevole precedente - Amichevole successiva

24 agosto 1969 - Amichevole pre-campionato 1969/70 - calcio d'inizio ore 20,30

LAZIO: Di Vincenzo, Papadopulo, Wilson (68' Facco), Governato, Soldo, Marchesi, Morrone, Mazzola (II), Fortunato (46' Chinaglia), Massa, Dolso (76' Cucchi). All. Lorenzo.

FIORENTINA: Superchi (46' Bandoni), Cencetti, Longoni, Esposito, Ferrante, Brizi, Chiarugi, Merlo, Maraschi, De Sisti, Amarildo. All. Pesaola.

Arbitro: Bernardis (Roma).

Marcatori: 24' Merlo, 41' Amarildo.

Note: serata calda, terreno in perfette condizioni, illuminazione discreta. Nessun incidente di rilievo. Calci d'angolo: 9-4 a favore della Lazio.

Spettatori: 50.000 circa con 32.400 paganti per un incasso di £. 43.522.000.

Amichevole precampionato di lusso, tra la Lazio e i Campioni d'Italia dei viola, per mettere a punto schemi e tattiche in vista dell'inizio della Coppa Italia e Campionato. Partita giocata a viso aperto, e subito dopo il fischio d'inizio erano i viola a farsi pericolosi: fuga di Chiarugi, con cross verso Maraschi che finta liberando Amarildo che tira una stangata che Di Vincenzo assorbe bene.

Replica la Lazio con azione filtrante Dolso-Mazzola, scambio pulito, aggancio di Mazzolino e gran fucilata da 30 metri che Superchi nemmeno vede. Per lui respinge la traversa e sulla ribattuta Brizi porge all'indietro e serve inavvertitamente Fortunato che, sorpreso, non sfrutta l'occasione. La Lazio attacca con brio ed a pieno ritmo sorretta da Mazzola e Dolso in gran vena. La Fiorentina contratta a metà campo, tiene botta, grazie al superiore mestiere e aspetta pazientemente che la sfuriata si plachi.

Al 15' Chiarugi sfugge a Papadopulo, fucilata che Di Vincenzo para in due tempi. Anche questa volta la Lazio replica immediatamente: Fortunato sfrutta un'incomprensione tra Cencetti e Brizi e scatta in solitudine verso la rete di Superchi che in coraggiosa uscita a scivolo sventa la minaccia. Dopo la fiammata iniziale, i biancazzurri si placano e la formazione viola viene fuori grazie al ritmo blando.

Al 24' si porta in vantaggio con una splendida azione impostata da De Sisti che porge all'ex Maraschi, il quale lascia passare per Merlo, smarcatosi sulla destra: fendente in diagonale imprendibile per il portiere. La Lazio accusa il colpo, si disunisce e la Fiorentina imperversa. Al 31' slalom in area di Amarildo che Wilson ferma con uno sgambetto. L'arbitro Bernardis non se la sente di punire col rigore. Al 40' il raddoppio arriva inesorabile a conclusione di una favolosa azione di Amarildo: stop aereo, controllo della sfera fra due avversari, dribbling e pallonetto preciso che sorprende Di Vincenzo fuori dai pali.

Il primo tempo finisce con gli applausi per i Campioni e qualche fischio per i laziali. Nella ripresa, Lorenzo manda allo sbaraglio il giovane neoacquisto Chinaglia. La partita non muta nell'aspetto. Al 49' la Fiorentina sfiora la nuova marcatura con un tiro fuori di poco di Chiarugi. E' poi Di Vincenzo, a parare coraggiosamente sempre sul numero nove viola. La Lazio continua a manovrare con il suo calcetto troppo elaborato.

Al 59' Marchesi si sgancia e serve di precisione Chinaglia che sfodera un gran tiro, parato dall'estremo difensore viola Superchi. E' sempre il portiere viola ad assurgere a protagonista, al 65' su una bomba violenta di Chinaglia e al 67' su pallonetto insidioso di Mazzola II. Al 75' su respinta difettosa di Di Vincenzo, Maraschi, da tre metri, spedisce alle stelle e nel finale, la Lazio potrebbe ridurre lo svantaggio, ma Bandoni, e Ferrante si oppongono a Mazzola, e il suo rimpallo finisce in calcio d'angolo.

Per la Lazio un test che ha evidenziato numerosi limiti nell'impostazione della manovra e la fluidità di gioco. Ottimo l'esordio e l'inserimento di Wilson e soprattutto del giovane Chinaglia, che entrato nella ripresa ha dato vitalità in avanti, e grande brio.

Fonte: La Gazzetta Dello Sport articolo del 25/08 a firma di Michele Galdi.





Torna ad inizio pagina