Domenica 25 aprile 1976 - Roma, stadio Olimpico - Lazio-Torino 1-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

1888. Campionato di Serie A 1975/76 - XXVII giornata

LAZIO: Pulici F., Ammoniaci, Martini, Wilson, Polentes, Badiani (I), Garlaschelli, Re Cecconi, Chinaglia, D'Amico, Lopez. (12 Moriggi, 13 Ghedin, 14 Giordano). All. Maestrelli.

TORINO: Castellini, Santin, Salvadori, Sala P., Mozzini, Caporale, Sala C., Pecci, Graziani F., Zaccarelli, Pulici P. (12 Cazzaniga, 13 Gorin (II), 14 Garritano). All. Radice.

Arbitro: sig. Michelotti (Parma).

Marcatori: 64' Sala C. (aut), 89' Re Cecconi (aut).

Note: a gara iniziata il sole ha forato le nuvole, buono il clima, buono il terreno. Sono stati ammoniti: Salvadori e Claudio Sala per gioco falloso, Garlaschelli per proteste. Nessun incidente apparentemente grave. Calci d'angolo 8 a 6 per il Torino. Negativo il sorteggio per il controllo antidoping. In tribuna Fulvio Bernardini.

Spettatori: 42.594 (24.926 paganti e 17.668 abbonati) per un incasso di lire 92.633.200.

Il biglietto (ridotto) in "Curva Nord"
Il biglietto (intero) in "Curva Sud"
Chinaglia scatta in fuorigioco
Chinaglia protesta
Chinaglia esulta dopo il vantaggio
Chinaglia protesta con il guardalinee
Il pareggio del Torino
Ammoniaci in azione
Long John in azione
La gioia dopo la rete che purtroppo sarà annullata

Ancora fatali alla Lazio gli ultimi minuti di gara. Come a Napoli aveva perso la gara a due minuti dalla fine, oggi i biancazzurri hanno lasciato un punto al Torino quando mancavano 60 secondi alla fine della partita. Quando la capolista granata è scesa all'Olimpico in pochi avrebbero scommesso sulla Lazio ed invece i biancazzurri hanno sfoderato, forse, la più bella prestazione dell'anno. Dopo un quarto d'ora di studio inizia la sinfonia di attacchi della Lazio: minuto 16' lancio di D'Amico per Garlaschelli, ma Caporale salva in extremis in angolo. Un minuto dopo è Badiani, con un gran tiro al volo a vedersi negata la gioia del goal da Castellini che di tuffo manda in corner. Al 19' Chinaglia non riesce ad agganciare in mezza rovesciata una buona palla servitagli dall'onnipresente D'Amico. Il Torino riesce a rispondere solo al 30' con un bel tiro di Paolo Pulici, servito da Pecci, respinto a pugni uniti da Felice Pulici. La Lazio comanda il gioco con maestria impedendo al Torino di giocare in contropiede, sua arma preferita. Wilson comandava la difesa alla perfezione mentre in avanti D'Amico era imprendibile. L'Olimpico applaudiva ed incitava i biancazzurri come ai bei tempi, ripagati da un bel gioco. C'era da chiedersi se la Lazio avesse resistito a questo ritmo, e la domanda trovava risposta al 50' quando Martini, in discreta posizione sparava alto invece di servire Chinaglia ben posizionato. La Lazio attacca, il Toro arranca: 52' Lopez ben smarcato da Chinaglia solo davanti a Castellini, tira alto. Al 54' risponde finalmente il Torino con Caporale, autore di una bella discesa che però manda alto sopra la traversa.

Minuto 60: tiro cross di Chinaglia che costringe Castellini ad indietreggiare per salvare la sua porta. Quattro minuti dopo arriva in meritato vantaggio laziale con un cross di Garlaschelli verso il centro area; la palla sbatte sull'inguine di Sala e s'insacca. I piemontesi ci mettono un po' per reagire e solo al 75' Pecci si vede parare un gran tiro da Pulici a pugni uniti. Un minuto dopo la Lazio potrebbe raddoppiare: Badiani in discesa porge il pallone a Garlaschelli che in posizione d'oro liscia la sfera. La gara sta per finire e i biancazzurri, invece di scagliare il pallone in tribuna o perdere tempo, giocano a viso aperto. Questa ingenuità costa loro cara all'89' quando Santin, semina quattro avversari e tira in porta; la sfera sbatte sull'incolpevole Re Cecconi e spiazza Pulici. La gara finisce tra la delusione dei laziali e la gioia dei granata che mantengono due punti sulla Juventus. Da segnalare un malore a Maestrelli che è rimasto seduto in panchina ben oltre la fine della partita assistito dal prof. Ziaco. In serata è stato visitato dal dott. Imperato che ha diagnosticato uno stress psico-fisico. L'allenatore non ha potuto rilasciare interviste nel dopo partita.

Nota

Questa è stata l'ultima gara di Chinaglia con la maglia della Lazio. Nella notte il giocatore parte per raggiungere New York e la sua nuova squadra: i Cosmos.