Domenica 26 aprile 1908 - Napoli, Campo di Bagnoli - Naples-Lazio 1-3


Stagione

Amichevole precedente - Amichevole successiva

26 aprile 1908 - Coppa d'Onore

NAPLES: Saltmarshe, Garozzo, Incarnati, Treves, Bayon, Fortunato, M. Scarfoglio, P. Scarfoglio, Potts, Bailey, Giolino.

LAZIO: Zaccagna, Federici, Andreoli, Omodei, Dos Santos, Faccani, Pellegrini, Saraceni (I), Ancherani, Zucchi (I), Della Longa.

Arbitro: sig. Law.

Marcatori: nel primo tempo 15' Ancherani, ?' P. Scarfoglio; nel secondo tempo ?' Saraceni (I), ?' Ancherani. Altre fonti attribuiscono il terzo gol laziale ad Andreoli. Secondo la cronaca sottostante di "Roma sportiva" questa è la sequenza e i minuti delle reti: 5' Andreoli, 39' rete del Naples, 50' Saraceni, 52' Ancherani.

Note:

Spettatori: 3.000 circa.

Da "La Stampa Sportiva" la formazione biancoceleste e un momento del match
Da "La Stampa Sportiva" la pagina sulla partita
(Archivio LazioWiki)
La puntuale e brillante cronaca del match tratta da "Roma sportiva". Si ringrazia Marco Impiglia per averla fornita a LazioWiki
La puntuale e brillante cronaca del match tratta da "Roma sportiva". Si ringrazia Marco Impiglia per averla fornita a LazioWiki

La Gazzetta dello Sport riporta: "Ieri, innanzi a circa 3000 persone, si svolse l'interessante match tra la Lazio e il Naples. La vittoria arrise ai romani che ebbero agio di mostrare le loro ottime qualità di footballers: precisi nei passaggi, velocissimi all'attacco. D'altra parte i napoletani, per quanto un po' meno veloci, si mostrano degni degli avversari esplicando un giuoco deciso ed efficace. La prima ripresa si chiuse con un goal per ciascuno dei clubs. All'inizio della seconda ripresa la Lazio segnò uno dopo l'altro due goals a suo favore. Al vantaggio degli avversari gli azzurro-celesti incalzarono ma l'efficace difesa dei romani debellò l'attacco così che al fischio del referee la partita si chiuse con 3 goals per la Lazio contro 1 del Naples. Animatissimo il giuoco di Dos Santos (capitano), Ancherani, Della Longa della Lazio; di Garozzo, Potta (capitano), Scarfoglio del Naples. Dopo il match un cordialissimo banchetto raccolse tutti da Stanta a festeggiare la bella vittoria della forte squadra".

Della partita, a parte questo breve commento della Gazzetta dello Sport, si sa pochissimo. L'ultimo goal della Lazio fu segnato in acrobazia da Ancherani. Una targa d'argento fu consegnata alla Lazio.


La cronaca de "La Stampa Sportiva": Match Napoli-Roma. - Con un'attesa vivissima ebbe luogo domenica, 26, al Campo di Bagnoli, l'incontro delle due forti società di Napoli e Roma, Naples Foot-ball Club e Società Podistica Lazio. La prima delle due, come società invitante, aveva posto in palio una bellissima Coppa d'argento. Una buonissima ed opportuna reclame aveva attirato al Campo di Bagnoli un pubblico numerosissimo ed elegante, circa duemila persone, cosa mai veduta né sperata in una città così poco sportiva come Napoli. Alle 16,45 il referee signor Lau, dà il fischio del kick off. La palla è al Naples, avendo la Lazio avuto la sorte favorevole nella scelta del campo, vento sole a favore. La partita s'inizia subito accanita ed interessante. La Lazio però, ben aiutata dal vento, si fa più padrona della situazione e comincia a portarsi nel campo avversario e spara ripetutamente in goal, non riuscendo però a marcare nessun punto. Però dopo un quarto d'ora il forward Ancherani, dietro un bellissimo e ben tirato corner, segna un primo goal per la Lazio. I napoletani non si scoraggiano per lo smacco ricevuto ed incalzano gli avversari. I forwards azzurri e celesti lavorano a tutto uomo onde portare la palla sotto il goal avversario, ben spalleggiati dagli half backs, e nonostante il vento giuochi loro dei bruttissimi tiri, finalmente dopo una melée davanti al goal della Lazio, Scarfoglio P., dietro un bellissimo passaggio del Bailey, segna il primo ed unico goal per la Naples. Il pubblico accoglie con applausi infiniti questo primo ed insperato successo dei suoi beniamini. In tal maniera finisce il primo half-time, essendo le due squadre a pari punti.

Il pubblico si lascia andare a commenti, e l’opinione generale è che la Naples, quantunque meno forte, avendo il vento a favore, riesca se non a vincere, almeno ad uscire con un esito nullo. Pertanto comincia il secondo half-time. La Lazio fa degli opportuni cambiamenti di posizione dei suoi uomini. Subito i forwards bianco e celesti, con un'irruenza inaspettata, si spingono sotto il goal napoletano, e dopo non poco segnano un secondo e un terzo goal, che sono gli ultimi della giornata. La Naples rimane quasi merevigliata, ma per questo non si scompone, ed anzi giuoca con un assieme meraviglioso. La difesa lavora in una maniera veramente sorprendente. Tutti gli attacchi dei forwards della Lazio, vengono stupendamente sventati dagli half backs azzurro-celesti. Ed in questa maniera finisce il secondo half time con la vittoria della Lazio, con 3 goals ad uno. Come critica di giuoco devo dire che la Lazio giuoca con un assieme sorprendente. Il forward di sinistra Della Longa è meraviglioso e l'Ancherani ed il Dos Santos, centro ed estrema destra, sono degni colleghi. Nella linea degli half-backs l'Omodei Zovini è un giuocatore stupendo e dei backs il Federici è eccellente. Insomma, l'intiera squadra è buona e degna del buon nome che porta. Nel team della Naples ho trovato che la linea dei forwards, quantunque composta di eccellenti elementi, non ha lavorato come ognuno s’aspettava: il Giolino come estrema sinistra si trovava fuori posto, bene, però come sempre, l'estrema destra Scarfoglio M. ed il centro Potts ed il Bailey, la nuova importazione del Naples. Negli half-backs, Bayon ha lavorato molto bene, forse si è curato un po' troppo dell'uomo e poco della palla; certo è che ha difeso il suo campo in un modo straordinario. Bene pure il Traves ed il Fortunato. Come sempre, eccellenti il back Garozzo ed il goal-keaper Saltusarshe, che colla sua flemma ha parato dei goals meravigliosi.


Tratta da "Roma sportiva", la cronaca della gara:

Il "match di foot-ball" Roma-Napoli.

Ieri ha avuto luogo il grande match di football Roma-Napoli. L'aspettativa per l'incontro fra le squadre della Società Podistica Lazio e del Naples Football Club era vivissima. Roma e Napoli dovevano disputarsi la vittoria; poiché se la Lazio è campione di Roma il Naples è il meglio quotato nel Campionato Regionale che si sta svolgendo. La Società Podistica Lazio era accompagnata dal vice-presidente signor Filippo Maldura e dal direttore sportivo signor Guido Baccani. All'ora prestabilita si calcolavano circa 2000 persone presenti alla pelouse del Campo dei Bagnoli. Alle quattro e pochi minuti l'arbitro, signor Lau-Esposito, chiama in campo le due squadre. La squadra della Lazio (camicette bianco-celesti) è favorita dalla sorte e il suo capitano, Dos Santos, sceglie il campo; alla squadra del Naples, camicette blee-celesti), capitano Potts, resta la palla. Le due squadre di dispongono nel modo seguente:

S.P. Lazio - Zaccagna, Faccani, Federici, Pellegrini, Omodei, Andreoli, Dos Santos, Zucchi, Ancherani, Saraceni, Della Longa.

Naples F.C. - Giolino, Balley, Potts, Scarfoglio P., Scarfoglio M., Fortunato, Bayon, Treves, Incarnati, Garozzo, Saltmarshe.

Al fischio dell'arbitro il giuoco comincia vivacissimo e la palla è presso ai forwards della Lazio che assalgono continuamente. Dopo 4' 30' su un calcio d'angolo di Della Longa, Andreoli marca il primo goal per i bianco-celesti. Il giuoco riprende quindi accanito. La Lazio assalta maggiormente. Verso la fine della prima ripresa il Naples accresce di energia ed entra con più frequenza nel campo della Lazio, i cui giuocatori risentono evidentemente dello strapazzo del viaggio e del sonno perduto. Dopo replicati assalti che si svolgono sempre tra viva emozione del pubblico la Naples segna un goal. Sono passati 39' 10' dall'inizio del giuoco. Uno scroscio di applausi prolungato saluta questo primo successo dei napoletani che hanno così ristabilito l'equilibrio della partita. La fine della prima ripresa termina lasciando le due squadre a 1 goal pari. Il pubblico invade il campo e saluta e felicita i giuocatori per la bella partita disputata con accanimento, ma con perfetta cavalleria. Intanto Dos Santos, capitano della Lazio, dà alla sua squadra una nuova sapiente disposizione. Al fischio del referee la palla è alla Lazio che attacca subito meravigliosamente. I romani sembrano trasformati e giuocano come forse mai giuocarono. La difesa della Naples è messa a dura prova.

Dopo 5' minuti dalla ripresa Saraceni, su un passaggio di Ancherani, segna a favore della Lazio un goal e dopo 1' 50' da quello i bianco-celesti marcano ancora un altro goal per mezzo del centro forward Ancherani. La squadra della Lazio in questo tempo dimostra tutta la sua superiorità; essa lavora con affiatamento ed una sicurezza davvero ammirabili che strappano sovente l'applauso entusiastico del pubblico. I primi stupiscono per i passaggi velocissimi, sicuri, precisi; alla difesa Dos Santos, Omodei, Federici formano un triangolo davvero insormontabile. Anche il Naples conduce un bel giuoco: Bayon, Garozzo, Potts, Scarfoglio M. si fanno ammirare, come pure è ammirato Saltmarshe, un portiere mirabile per il grand'occhio e la gran calma tutta inglese. Intanto avviene un violento incontro: Bayon è a terra quasi svenuto; viene prontamente soccorso e poco dopo è di nuovo in piedi. Il giuoco si riprende con più ardore che mai. Dos Santos giuoca in maniera davvero mirabile. Il valente Potts riesce una sola volta ad avvicinarsi al goal della Lazio; incalzato da Federici e minacciato da Omodei tira in goal precipitatamente e la palla, presa male, rotola lentamente a fallo. Dopo qualche minuto l'arbitro dà il segnale della fine del giuoco che è terminato con la vittoria della Società Podistica Lazio con tre goals a uno del Naples Football Club.

Alla sera, vincitori e vinti, si sono riuniti al ristorante Starita, a Santa Lucia, per un pranzo offerto dal Naples Football Club in onore dei romani. Sul centro del lungo tavolo, contornata da splendidi fiori, era ammiratissima la splendida Coppa d'argento, messa in palio dal Naples, e dalla Lazio vinta; mentre dall'alto pendeva e dondolava la palla adoprata nel match che ancora vibrava per gli innumeri e potenti calci ricevuti. Ammirato poi l'indovinato ed elegante menu. Cordialità continua regnò durante il pranzo e più ancora vennero stretti i legami sinceri di affetto e di amicizia fra le due Società.

Si assicura che il 24 maggio la squadra del Naples Football Club sarà in Roma per il retour-match e per la disputa della nuova Coppa di argento che sarà messa in palio dalla Società Podistica Lazio. Avremo così occasione di assistere ad un altro emozionante match.


Tratta dalla "Lettura sportiva", la prima parte della cronaca della gara:

Il match Roma-Napoli.

Domenica 26 aprile la Società Podistica Lazio, con la sua prima squadra di foot-ball, si recò a Napoli per disputare in un match la splendida Coppa d'argento messa in palio dal Naples Foot-ball Club.

Fin dalle tre la pelouse dei Bagnoli era gremita di pubblico fitto ed elegante accorso con tutti i mezzi di trasporto da Bagnoli, da Pozzuoli e da Napoli. Circa duemila persone assistevano all'interessantissimo match, fra cui numerosissime signore...






<< Amichevole precedente Amichevole successiva >> Stagione Torna ad inizio pagina