Domenica 27 dicembre 1970 - Firenze, stadio Comunale - Fiorentina-Lazio 1-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

27 dicembre 1970 - 1665 - Campionato di Serie A 1970/71 - XI giornata - calcio d'inizio ore 14.30

FIORENTINA: Bandoni, Galdiolo, Longoni, Esposito, Ferrante, Brizi, D'Alessi, Merlo, Vitali, De Sisti, Chiarugi (46' E. Pellegrini). A disp. Superchi. All. Pesaola.

LAZIO: Di Vincenzo, Wilson, Legnaro (57' Morrone), Governato, Facco, Marchesi, Massa, Mazzola (II), Chinaglia, Magherini, Dolso. A disp. Sulfaro. All. Lorenzo.

Arbitro: Panzino (Catanzaro).

Marcatori: 19' Merlo, 80' Facco.

Note: cielo coperto con costanti precipitazioni atmosferiche; terreno allentato. Ammoniti: Massa, Galdiolo ed Esposito. In tribuna l'allenatore della Nazionale Ferruccio Valcareggi. Calci d'angolo: 3-2 a favore della Fiorentina.

Spettatori: 24.400 dei quali 7.400 paganti (17 mila abbonati) per un incasso di £.13.838.600.

E' Juan Carlos Lorenzo il protagonista di questa partita giocata sotto una continua pioggerella fredda e fastidiosa. Il tecnico argentino che, insensibile alle tradizioni natalizie, ha costretto la squadra ad un ritiro ad Altopascio, rivoluziona la difesa portando Wilson in marcatura, inserendo Marchesi nel ruolo di libero e affidando la maglia di stopper a Mario Facco. Buono l'inizio dei gigliati, ma al 5' l'estroso Chiarugi in uno scontro con Wilson ha la peggio e il suo infortunio è un duro colpo per i padroni di casa. Di Vincenzo è vigile su una conclusione di D'Alessi, ma nulla può fare su un tiro violento e preciso di Merlo al 19'.

La Lazio inizia tuttavia a macinare il suo gioco ben orchestrato a centrocampo da Governato. Dopo una rete annullata giustamente per fuori gioco a Mazzola, Dolso, su servizio di Chinaglia, manca a tu per tu con Bandoni la facile conclusione. Al 44' ancora una clamorosa occasione sprecata da Mazzolino che, superati in agilità un paio di avversari, non si accorge del liberissimo Dolso al suo fianco e calcia debolmente sul portiere viola. Nella ripresa su un campo ormai pesantissimo, i biancocelesti diventano padroni assoluti della gara anche per l'innesto di Morrone al posto di Magherini.

Il "gaucho" è in buona giornata e guida i suoi all'arrembaggio. A dieci minuti dal termine arriva il meritato pareggio. Su punizione pennellata da Governato, Facco approfitta di un'uscita maldestra di Bandoni e di testa deposita in rete. Così scrive Alberto Marchesi per il Corriere dello Sport: "Non è stata, intendiamoci, una bella partita. Diciamo bonariamente che è stata accettabile soprattutto per merito della combattività e dello spirito d'iniziativa della Lazio, che ha continuato a battersi a denti stretti, per nulla demoralizzata dal gol al passivo".



Torna ad inizio pagina