Domenica 6 ottobre 1929 - Roma, stadio Rondinella - Lazio-Bologna 3-0


Stagione

Turno successivo

6 ottobre 1929 - Campionato di Serie A 1929/30 - I giornata - inizio ore 15.00.

LAZIO: Sclavi, Tognotti, Bottacini, Pardini, Furlani, Caimmi, Ziroli, Spivach, Pastore, Rier, Okely III. All. Piselli.

BOLOGNA: Gianni, Monzeglio, Gasperi, Genovesi, Baldi, Martelli II, Busini I, Della Valle, Maini, Busini III, Muzzioli. All. Felsner.

Arbitro: sig. Giorgi di Milano.

Marcatori: 15' Spivach, 56' Rier, 84' Pastore.

Note: giornata bella, temperatura mite.

Spettatori: 10.000 circa.

Da Lo Sport Fascista

La cronaca de "La Stampa" (all'epoca la descrizione degli incontri era ancora approssimativa e la collocazione temporale dei gol, non corrispondente a quella - meglio verificata - riportata nel tabellino, ne è un chiaro esempio):

Fin dalle prime battute gli azzurri assalgono con un impeto che fa andare in visibilio il pubblico; ma la palla è inesorabilmente respinta dalla granitica difesa dei campioni d’Italia. L'attacco bolognese dopo un primo attimo di esitazione si porta nella area di Sclavi ove mette a dura prova l'abilità di Bottaccini e Tognotti. Al 15.o la Lazio coglie il suo primo goal per opera del giovanissimo Spivach. La folla non crede ai propri occhi e l'uragano degli applausi si prolunga per molti secondi. Lo squadrone dello scudetto resta completamente sbalordito. La Lazio domina nettamente e la solida mediana rosso-blu ha il suo da fare per contenere l'irruenza del mobilissimo attacco azzurro.

Al 23.o Martelli deve uscire dal campo e i rosso-blu rimasti in dieci muovono alla riscossa, con l'attacco guidato dal meraviglioso Della Valle. La difesa azzurra si rivela veramente solida e Sclavi ha modo di esibirsi in bellissime parate. Poi la Lazio ritorna ad attaccare e fino alla fine del primo tempo domina i campioni d'Italia.

Alla ripresa è ancora la Lazio. Al 14.o l'arbitro accorda un corner contro il Bologna. Batte Ziroli e il suo preciso e potente cross è raccolto da Rier che con un balzo felino scaraventa il pallone in porta con un perfetto colpo di testa. Il terzo e ultimo goal ad opera del centro-attacco azzurro al 20.o minuto di giuoco: Rier con un preciso passaggio offre a Pastore l'occasione di segnare con un imparabile traversone. Il giuoco riprende ma la stanchezza ha sopraffatto gli atleti e il ritmo è molto più lento. La fine ha luogo tra una interminabile salva di applausi.

Il Bologna ha iniziato brillantemente, ma è poi andata affievolendosi.

Fonte: La Stampa