Giorgio Chinaglia torna per sempre a Roma - p. 1



Giorgio Chinaglia
Dal Corriere dello Sport del 7/09/2014
Dal Corriere dello Sport del 7/09/2014
La notizia riportata sul sito di "Leggo"
Dal Corriere della Sera
Dal Corriere della Sera
Dal Messaggero
Da La Repubblica
Da La Repubblica
Da Tuttosport
Giorgio Chinaglia e Tommaso Maestrelli

Stagione

Articoli correlati

Giorgio Chinaglia torna per sempre a Roma - p. 2

La foto-gallery dell'evento


Dopo la morte di Giorgio Chinaglia, avvenuta in data 1 aprile 2012, la famiglia Maestrelli si offre di dare sepoltura alle spoglie del calciatore nella cappella di famiglia situata nel cimitero di Prima Porta a Roma vicino all'amato allenatore Tommaso Maestrelli. Si attivano così gli ex compagni Giuseppe Wilson e Giancarlo Oddi che ottengono la disponibilità della prima moglie Connie e dei suoi figli. La seconda famiglia di "Long John", tuttavia, si oppone al trasferimento in Italia; ne nasce in questo modo un contenzioso tra le due famiglie e la giustizia americana dà ragione a Connie e figli. La volontà di Chinaglia era comunque quella di tornare nella "sua" Roma per esservi sepolto. Il giorno 6 settembre 2013 giunge dal figlio George Junior la notizia che tutto è pronto per la traslazione ed il trasferimento delle spoglie del calciatore nella capitale italiana. LazioWiki, sui propri profili Facebook e Twitter, è stata la prima a dare la notizia dopo il lancio del "Tg Sport" della Rai.


Tratti da alcuni organi di stampa, riportiamo di seguito gli articoli concernenti l'evento:

6 Settembre

Da Leggo:

La salma di Giorgio Chinaglia tornerà in Italia il 15 settembre. Il giorno successivo si terrà una messa commemorativa, poi "Long John" sarà tumulato nella cappella della famiglia Maestrelli, accanto al mister ed amico Tommaso. A rivelarlo, in un'esclusiva a RaiSport, sono stati due ex compagni di squadra di Chinaglia nella Lazio tricolore del 1974, Giancarlo Oddi e Pino Wilson. La salma dell'ex attaccante biancoceleste, scomparso l'1 aprile del 2012, rientrerà in Italia domenica 15 settembre accompagnata dalla moglie e dai figli del giocatore. Lunedì 16 settembre sarà celebrata a Roma una messa commemorativa e le spoglie del giocatore verranno tumulate nella cappella della famiglia Maestrelli, dove si ricongiungerà con quella di Tommaso, allenatore simbolo di quella Lazio e grande amico di Chinaglia.

"Per noi è una splendida notizia perché finalmente lo avremo vicino e potremo andare a trovarlo come abbiamo sempre fatto con Maestrelli", ha commentato Oddi. "A distanza di quarant'anni quella squadra si ritrova sempre nei momenti più importanti, segno che quel valore dell'amicizia è stata sempre forte in tutti noi", ha aggiunto Wilson.


7 Settembre

Dal Corriere della Sera:

Sono passati mesi da quando il 1° aprile di un anno fa, a Naples negli Stati Uniti, veniva a mancare Giorgio Chinaglia. Ma finalmente è arrivato il momento in cui l'ex calciatore e idolo indiscusso dei tifosi della Lazio, potrà ricongiungersi con il suo "secondo padre" Tommaso Maestrelli, allenatore di quella squadra che nel 1974 conquistò il primo scudetto della storia del club biancoceleste. Il 15 settembre la salma di Long John sarà portata in Italia per essere trasportata nella Cappella di famiglia Maestrelli. I due saranno posizionati di nuovo l'uno al fianco dell'altro, proprio come in quelle immagini in bianco e nero di 40 anni fa.

"Finalmente ci siamo riusciti - commenta il capitano di quella squadra Pino Wilson - e la salma di Giorgio arriverà qui in Italia il 15 settembre a Fiumicino alle 7.10 con un volo Alitalia. Un'amara consolazione, lo avremmo voluto riabbracciare in un altra situazione. Ma la notizia farà piacere a tutto il popolo biancoceleste. Probabilmente ci sarà una camera ardente la mattina e una conferenza mia e di Giancarlo Oddi (altra colonna della Lazio del '74) in settimana. In questi mesi abbiamo combattuto, a volte è stato difficile, ma quando tutto sembrava perduto finalmente è arrivata la bella notizia che ci ha dato Giorgio jr. Un ringraziamento va anche a Massimo Maestrelli che metterà a disposizione la cappella della famiglia, in modo tale che Chinaglia riposi al fianco di Tommaso".


Dal Corriere dello Sport:

Pino Wilson e Giancarlo Oddi, ex difensori della Lazio Campione d'Italia 1974, hanno commentato ai microfoni della Rai la notizia del ritorno in Italia della salma di Giorgio Chinaglia, data in esclusiva da Raisport nell'edizione odierna del Tg sportivo in onda su Rai2 alle 17.50. "Per noi è una splendida notizia - ha commentato Oddi - perché finalmente lo avremo vicino e potremo andare a trovarlo come abbiamo sempre fatto con Maestrelli". "A distanza di quarant'anni - gli fa eco Wilson - quella squadra si ritrova sempre nei momenti più importanti, segno che quel valore dell'amicizia è stata sempre forte in tutti noi". La salma dell'ex attaccante biancoceleste, scomparso l'1 aprile del 2012, rientrerà in Italia domenica 15 settembre accompagnata dalla moglie e dai figli del giocatore. Lunedì 16 settembre sarà celebrata a Roma una messa commemorativa e le spoglie del giocatore verranno tumulate nella cappella della famiglia Maestrelli, dove si ricongiungerà con quella di Tommaso, allenatore simbolo di quella Lazio e grande amico di Chinaglia.


In altri articoli del quotidiano sportivo romano è riportato:

Era tanto tempo fa. Connie, la prima moglie, si lamentava, Giorgio passava più tempo a casa Maestrelli. Sempre insieme, vivevano così, giocando partite infinite, togliendo tempo alle compagne. Connie si lamentava, ma capiva. Ora sarà lei a riportare Giorgio da Tommaso. Non gli diremo addio, gli diremo bentornato. Lo abbracceremo, sarà come sentirlo vivo. Lo avremo vicino, tutti quanti. Il ricordo e la nostalgia, non più solo questo. Giorgio torna a casa, dal Maestro, vicino a tutti i laziali. Giorgio Chinaglia può tornare a Roma, così come voleva. Riposerà nella cappella Maestrelli, nel cimitero di Prima Porta, dove c’è Tommaso, il suo allenatore-papà. La salma di Long John arriverà in Italia domenica 15 settembre, il volo Alitalia proveniente da Boston sbarcherà a Fiumicino alle 7.10. Giorgio può tornare, la notizia era attesa da mesi. C’era una disputa tra le sue due famiglie, tra le mogli Connie e Angela, tra i figli naturali e acquisiti. La querelle s’è risolta in un Tribunale americano. Connie, Giorgio junior, le sorelle Stephanie e Cynthia arriveranno a Roma con Giorgio, hanno combattuto per riportarlo in Italia e hanno vinto. I permessi sono stati ottenuti, il ritorno di Chinaglia è stato reso possibile anche grazie all’aiuto degli ex compagni capitanati da Pino Wilson e Giancarlo Oddi. E’ stato commovente Massimo Maestrelli, ha messo a disposizione la cappella che ospita papà Tommaso e i fratelli Maurizio e Patrizia. I Maestrelli e i Chinaglia erano una sola cosa, la loro Lazio creava legami, faceva famiglia.

Giorgio torna a Roma, è in corso l’organizzazione degli eventi che lo onoreranno a distanza di un anno e cinque mesi dalla sua morte (1 aprile 2012), tanti anni dopo la sua partenza tumultuosa dall’Italia. La salma di Chinaglia arriverà domenica 15 settembre. Lunedì 16 sarà allestita una camera ardente: alle 15 sarà celebrata una messa commemorativa nella chiesa del Cristo Re o in quella di Ponte Milvio. La tumulazione nel cimitero di Prima Porta avverrà entro le 19. Wilson e Oddi stanno organizzando una conferenza stampa per presentare ogni singolo evento, sarà seguito da migliaia di laziali, dal popolo di Chinaglia. L’amore di Giorgio per la Lazio era fortissimo, l’affetto che lo legava a Tommaso Maestrelli era indissolubile. Long John espresse quel desiderio tanto tempo fa: "Voglio essere seppellito accanto a Tommaso", disse. Connie e Giorgio junior, pur di accontentarlo, rinunceranno ad averlo vicino purché lui stia accanto al Maestro: "Lavoriamo ogni giorno per far sì che il suo sogno si avveri. Non sappiamo se e quando potremo riportare mio padre a Roma. Mi diceva sempre di voler tornare e di essere seppellito accanto a Maestrelli. Lotteremo per farlo tornare, non ci arrendiamo", raccontò Giorgio junior durante la sua ultima visita romana, era febbraio.

In quei giorni raccontò la sua favola di bambino, figlio dell’eroe: "Quando ero piccolo papà mi parlava sempre della Lazio di Maestrelli. Non ce la faceva a stare senza la Lazio, per questo ha sempre provato a tornare, non ha mai perso la speranza. E con Maestrelli c’era un rapporto speciale, profondo, umano, erano inseparabili. Dividevano gran parte della giornata insieme, a mio padre piaceva molto stare a casa di Tommaso". Da Tommaso tornerà per non andarsene più. Anche Connie lo vuole.


Una e-mail all’improvviso: "L’ho ricevuta stamane (ieri, ndr), Giorgio junior mi ha dato la bella notizia. Finalmente ci siamo riusciti, la salma di Giorgio Chinaglia arriverà in Italia. Una bella notizia, ma anche un’amara consolazione perché lo avremmo voluto riabbracciare in un’altra situazione". Capitan Wilson ci è riuscito, riporterà a Roma l’amico Giorgione. Lui e Giancarlo Oddi da anni custodiscono i ricordi, tengono in vita i compagni-eroi scomparsi. Wilson e Oddi hanno combattuto insieme a Connie e Giorgio junior per avverare il desiderio di Long John. Ci hanno messo anima e soldi in questo sogno, meritano applausi e aiuti. La notizia del ritorno di Chinaglia è stata lanciata ieri da Rai Sport. "E’ bello, potremo riabbracciare il nostro compagno – ha detto Oddi ai microfoni di Rai 2 - anche se solo in questa maniera. Siamo felicissimi per la notizia, una delle due famiglie però lo è di meno".


Estratto dal Messaggero:

Il 15 settembre, il giorno della sfida di campionato Lazio-Chievo, la salma di Giorgio Chinaglia rientrerà dagli States nella capitale e andrà a riposare nella cappella della famiglia Maestrelli a PrimaPorta, dove c’è Tommaso, l’allenatore dello scudetto del 1974, ma soprattutto un secondo padre per l’indimenticato campione, scomparso il primo aprile del 2012 per un attacco cardiaco. Dopo diverse peripezie e un’attesa lunga un anno, alla fine, i suoi amici più cari ed ex compagni di squadra, Pino Wilson e Giancarlo Oddi, sono riusciti nell’impresa di spegnere le polemiche, sistemare le pratiche e convincere la famiglia: quello che il popolo laziale sperava. Da ieri, appena si è sparsa la notizia, c’è stato subito un gran fermento tra i tifosi, pronti a recarsi numerosi il 15 settembre alle sette di mattina a Fiumicino per rendere omaggio a Chinaglia. "Sono stati mesi difficili e piuttosto complicati – ha spiegato l’ex capitano laziale Pino Wilson -, ma insieme a Giancarlo Oddi siamo riusciti a far tornare Giorgio a casa. Certo, è un’amara consolazione perché avremmo voluto riabbracciarlo in un’altra situazione".


Da La Repubblica:

All’attacco di questa Lazio in confusione servirebbe uno come lui. Giorgio Chinaglia, il più forte centravanti della storia biancoceleste, è morto negli Usa il 1° aprile 2012 – un mandato di cattura per riciclaggio lo aveva tenuto lontano dall’Italia – senza realizzare quel desiderio spaccacuore di tornare a Roma. Ci riesce ora, e l’evento commuove i tifosi laziali. La salma di Long John arriverà domenica mattina a Fiumicino con un volo Alitalia: verrà tumulata a Prima Porta nella cappella della famiglia Maestrelli. Come sognavano lui e i laziali, Chinaglia riposerà accanto al suo maestro, l’allenatore-papà Tommaso. Per il popolo biancoceleste, Chinaglia e Maestrelli resteranno per sempre gli eroi del mitico scudetto del '74, una specie di romantico meritatissimo – miracolo sportivo. Per mesi, sul ritorno della salma, tra le due famiglie dell’ex attaccante c’è stata una diatriba finita addirittura in tribunale: si è risolta negli ultimi giorni, così è arrivato l’ok per il trasferimento in Italia. In settimana gli ex compagni Wilson e Oddi terranno una conferenza stampa per annunciare le iniziative legate all’evento. "Finalmente – dice Wilson, capitano di quella formidabile squadra – ci siamo riusciti, la salma di Giorgio tornerà a Roma. Un’amara consolazione perché lo avremmo voluto riabbracciare in un’altra situazione, ma la notizia farà piacere a tutti i tifosi biancocelesti. Verrà allestita una camera ardente, probabilmente la mattina del 15. Pensiamo anche a dei funerali a Cristo Re o nella chiesa di Ponte Milvio. In questi mesi abbiamo combattuto, è stato difficile. Poi, quando tutto sembrava perduto, Giorgio jr (il primo figlio,ndr) ci ha dato la bella notizia. Un ringraziamento va anche a Massimo Maestrelli, che metterà a disposizione la cappella di famiglia: così Giorgio potrà riposare accanto a Tommaso".


11 Settembre

Dal sito ANSA:

Si avvicina l'atteso rientro in Italia di Giorgio Chinaglia. La salma dell'ex centravanti biancoceleste - scomparso il 1 aprile 2012 negli Stati Uniti - dopo un lungo iter burocratico, toccherà il suolo di Fiumicino domenica 15 settembre alle ore 7:10. Ad accompagnarla saranno la prima moglie di "Long John", Connie Eruzione, e i tre figli, Giorgio Jr, Stephanie e Cinzia. I tifosi biancocelesti e gli appassionati di calcio potranno rendere omaggio a Chinaglia nella camera ardente che sarà allestita lunedì (dalle 11 alle 14:30 circa) presso la chiesa del Cristo Re. Sempre nella parrocchia di viale Mazzini 32 si terrà, alle 15, una messa in suffragio celebrata dal cappellano di Regina Coeli, nonché padre spirituale della Lazio, don Vittorio Trani, insieme con il parroco del Cristo Re, padre Angelo Arrighini. Il viaggio di Chinaglia terminerà quindi nella cappella di famiglia di Tommaso Maestrelli, nel cimitero di Prima Porta. Ancora però non si conosce il giorno esatto in cui avverrà la tumulazione del campione accanto all'allenatore con cui vinse lo scudetto nel 1974, perché vanno esperiti gli ultimi passaggi burocratici. Per conoscere meglio i dettagli, è stata indetta una conferenza stampa per venerdì 13 alle ore 12, presso il Circolo Canottieri Lazio, alla quale presenzieranno tutti coloro che hanno lavorato per riportare "Long John" accanto al "Maestro", in primis il capitano Pino Wilson, l'ex difensore Giancarlo Oddi, oltre al presidente della Polisportiva, Antonio Buccioni ed al presidente del Canottieri Lazio, Raffaele Condemi.


12 Settembre

Dal Corriere dello Sport:

Domani (ore 12) nuovo appuntamento al circolo Canottieri Lazio. Pino Wilson e Giancarlo Oddi forniranno i dettagli del ritorno di Giorgio Chinaglia a Roma, il cui feretro verrà tumulato nella tomba della famiglia Maestrelli a Prima Porta. La salma di Long John arriverà domenica mattina a Fiumicino, dove resterà (inaccessibile) sino a lunedì prima di essere trasportata alla Chiesa del Cristo Re in viale Mazzini: dalle 11 verrà allestita una camera ardente, alle 15 è prevista una messa celebrata da don Vittorio Trani.


14 Settembre

Dal Corriere dello Sport:

Arriverà con un volo da Boston a Fiumicino domani alle 7,10. Al circolo Canottieri Lazio i ragazzi del ’74 hanno raccontato e anticipato quello che succederà lunedì in una giornata epocale. Giorgio Chinaglia torna per unirsi al Maestro nella tomba della famiglia Maestrelli a Prima Porta. Domani il feretro (inaccessibile) verrà custodito a Fiumicino, lunedì dalle 11 la camera ardente al Cristo Re e alle 15 la messa, officiata da don Vittorio Trani, padre spirituale della Lazio. "E’ una consolazione sapere che Giorgio è qui – ha spiegato Pino Wilsone sarà possibile andarlo a trovare per chi, come noi, ha vissuto dei momenti bellissimi. Devo ringraziare tutti, a partire da Massimo e Tiziana Maestrelli, che hanno reso possibile il suo ritorno. Non è stato semplice, sino a due giorni fa sono serviti documenti. Lo sapevamo da qualche tempo, ma abbiamo tenuto segreta la data sino all’ultimo. A distanza di quarant’anni è ancora profondo il senso di amicizia che ci lega". Giancarlo Oddi si è emozionato. "Ringrazio i Maestrelli. Ricordo quando volevamo mettere una foto di Giorgio accanto a Tommaso. L’idea di riportarlo è nata così".


15 Settembre

Dal Corriere dello Sport:

Sognava un altro tipo di ritorno a Roma e forse quel desiderio lo ha lentamente consumato in Florida. Su c’è il Maestro e almeno potrà riabbracciarlo, trovando posto nella tomba di famiglia a Prima Porta. Oggi atterra Long John e chissà quanta gente si alzerà all’alba per andare ad accoglierlo all’aeroporto di Fiumicino. Volo di linea Alitalia (AZ 615) da Boston con arrivo previsto alle 7,10. Sullo stesso aereo viaggerà la sua famiglia. Connie Eruzione, la prima moglie. E poi i figli: Cinzia, Giorgio junior, Stephany. Domani, il vero appuntamento per il popolo biancoceleste, al Cristo Re in viale Mazzini. Dalle 11 la camera ardente, alle 15 la messa celebrata da don Vittorio Trani, padre spirituale della Lazio, il corteo sino al cimitero di Prima Porta, dove verrà tumulato nella tomba della famiglia Maestrelli. Le opere murarie sono già state fatte. Domani si trasformerà in una giornata campale ed è prevedibile immaginare un lungo e intermimabile afflusso di tifosi. All’inizio la banda del ‘74 aveva pensato di organizzare la messa a Ponte Milvio, nella stessa chiesa in cui venne officiato il funerale di Maestrelli, ma alla fine è stato scelto il Cristo Re perché più spaziosa e in grado di ospitare più gente.

Oggi a Fiumicino sarà impossibile vedere il feretro di Chinaglia. L’agenzia funebre lo trasporterà in località segreta e poi si preoccuperà di portarlo in viale Mazzini domani mattina. Lo sdoganamento occuperà una buona parte della mattinata. E solo una delegazione ristretta di dieci persone potrà avere accesso all’interno dell’area aeroportuale. Ovviamente ci saranno Pino Wilson, Giancarlo Oddi e altri due o tre amici di Long John, più la famiglia in arrivo da Boston, dove il feretro è stato portato in tempi recenti. All’inizio di aprile del 2012 Chinaglia era stato sepolto a Naples, vicino a Miami. "Ringrazio in primis la famiglia Maestrelli per tutto quello che ha fatto e per la disponibilità senza la quale sarebbe stato impossibile riportare Giorgio a Roma. E poi le autorità aeroportuali, la polizia mortuaria e tutte le persone che si sono adoperate per rendere possibile il suo ritorno. Non è stato semplice, sino a tre giorni fa siamo stati alle prese con i documenti" ha spiegato anche ieri pomeriggio Pino Wilson, capitano della Lazio scudettata nel 1974.

S’annuncia una giornata piena di commozione e di struggenti ricordi per la gente della Lazio. E chissà che Giorgio junior, il figlio di Long John, oggi pomeriggio non faccia in tempo a prendere posto all’Olimpico per vedere la partita tra Lazio e Chievo. Ha espresso il desiderio di tornare allo stadio dove era già stato nell’aprile di un anno e mezzo fa, in occasione della partita con il Napoli, quando tutta la squadra biancoceleste indossò una maglia dedicata a Chinaglia. Long John era scomparso pochi giorni prima.


Dal Messaggero:

Al termine di un lungo iter burocratico, la salma di Giorgio Chinaglia, l'ex attaccante della Lazio e della nazionale scomparso il primo aprile dello scorso anno negli Stati Uniti, è rientrata questa mattina in Italia. L'aereo con il feretro a bordo, un Airbus A330 dell'Alitalia proveniente da Boston, è giunto alle 6.30 all'aeroporto di Roma Fiumicino. Ad attenderlo c'erano gli ex compagni di squadra di Chinaglia, Pino Wilson e G$iancarlo Oddi, ed alcuni tifosi tra cui anche il giornalista e conduttore radiofonico e televisivo, Guido De Angelis. A bordo dell'aereo, la prima moglie di "Long John", Connie Eruzione e i tre figli, Giorgio Jr., Stephanie e Cinzia. "Siamo felici di essere qui - hanno detto i familiari all'arrivo - e crediamo che lo sia anche e soprattutto Giorgio". Di grande gioia, ma anche di altrettanto stress legato al complesso iter burocratico per riportare la salma di Chinaglia in Italia, hanno poi parlato Wilson e Oddi. "Non è stato semplice riportare Giorgio a Roma. Alla fine, però, grazie all'apporto di tante persone che si sono adoperate, ce l'abbiamo fatta".

Emozionante per gli stessi addetti alle operazioni di scarico, il momento in cui è stato aperto il portellone della stiva dell'aereo ed il feretro di Chinaglia, custodito all'interno di una grande cassa di legno, è stato messo su un elevatore per essere poi adagiato su un apposito mezzo di trasporto posizionato sottobordo. "Bentornato, Giorgio", ha detto qualcuno tra i presenti sistemando poi con cura una sciarpa biancoceleste sul feretro ed accompagnando quel gesto con il segno della Croce. Ultimate le fasi del trasbordo, la salma di Giorgio Chinaglia è stata quindi portata presso la Cargo City, inaccessibile ai non addetti ai lavori, dove vi resterà fino a domani quando con un carro funebre sarà trasferita a Roma. La camera ardente, allestita presso la Chiesa del Cristo Re, verrà aperta a partire dalle ore 11. Sempre nella parrocchia di Viale Mazzini 32, e nello stesso giorno, si terrà poi alle 15 una messa in suffragio celebrata dal cappellano di Regina Coeli, nonché padre spirituale della Lazio, don Vittorio Trani. Le spoglie del giocatore verranno successivamente tumulate nella cappella della famiglia Maestrelli, dove riposa Tommaso, allenatore simbolo della Lazio dello scudetto del '74 e grande amico di Chinaglia.



Il feretro giunto all'areoporto di Fiumicino
Fonte: SkySport.it
Un'altra immagine del feretro
Fonte: Gazzetta.it



Giorgio Chinaglia torna per sempre a Roma - p. 2



Articoli correlati:

La scheda di Giorgio Chinaglia

L'addio a Giorgio Chinaglia - 1

L'addio a Giorgio Chinaglia - 2

L'addio a Giorgio Chinaglia - La rassegna stampa

La commemorazione allo Stadio Olimpico di Roma



Stagione Giorgio Chinaglia torna per sempre a Roma - p. 2 La foto-gallery dell'evento Torna ad inizio pagina