Il Calciomercato 1942


Stagione

La campagna acquisti 1942/43

La società risente del pesante clima di guerra e delle conseguenti difficoltà economiche che il Paese attraversa. Vengono acquistati lo slavo Manola (libero perchè proveniente da Federazione straniera), Koenig dal Catania, Del Grosso dal Modena e Siena dal Foligno. Tornano nei quadri, per fine prestito, Lombardini, Mancini e Giovanardi, tutti e tre provenienti dall'Ala Littoria. Vengono ceduti Pisa (II) all'Ambrosiana, Camolese al Vicenza, i giovani Giammarini, Granieri, Scaramuzza e Marcellini al G.S. Trionfale, Lulli in prestito allo Stabia, Longhi (II) e D'Orazi in prestito all'Ascoli e Faotto che farà l'allenatore-giocatore sempre nell'Ascoli. Popovich viene confermato come allenatore.

Questi i giocatori inseriti nelle liste di trasferimento:

Baldo Giuseppe, De Bernardi Mario, Faotto Massimiliano (prestito), Lulli Leo (prestito), Paini Giuseppe (fine prestito), Picchi Ermanno (prestito), Pisa Anselmo, Sassi Sergio (prestito), Scagliarini Gustavo (fine prestito), Vettraino Luigi, Zironi Otello (prestito), Mazzarella Aldo, Mongini Luigi, Galla Marcello, Maglioni Fausto, Massini Lucio, Rega Amedeo, Medori Romeo, Pozzi Luigi, Freda Francesco, Mai Massimo (prestito), Marcellini Amleto (militare), Caporali Antonino (ricorso respinto).