Il Calciomercato 1998


Stagione

L'Unità dà l'annuncio dell'acquisto di Bobo Vieri


La Lazio vincitrice della Coppa Italia 1997/98 e finalista della Coppa UEFA aveva rovinato, con una fase terminale di campionato deludente, il piazzamento finale nell'ultimo campionato. Sergio Cragnotti e tutto lo staff nell'estate 1998 cercano in sede di mercato di rendere più competitiva la squadra. Nell'organigramma societario entra a far parte come Direttore Generale Julio Velasco, indimenticato tecnico argentino che portò la Nazionale italiana di Pallavolo ai vertice mondiali.

La campagna acquisti-cessioni della Lazio è molto dispendiosa. A fronte di ricavi dalle cessioni di 58 miliardi di Lire ne vengono spesi 134 per gli acquisti.

Vanno via calciatori che hanno garantito qualità e prestigio alla Lazio come Chamot e Jugovic che vanno all'Atletico Madrid, Casiraghi al Chelsea e Fuser al Parma. Vengono a rinforzare la squadra Salas dal River Plate, De La Pena dal Barcellona, Fernando Couto dal Barcellona, Sergio Conceicao dal Porto, Mihajlovic dalla Sampdoria, Stankovic dalla Stella Rossa, Vieri dall'Atletico Madrid. Anche Protti torna alla Lazio dopo il prestito al Napoli, ma a ottobre 1998 è ceduto alla Reggiana.