Maione Roberta



Roberta Maione (2016/17)
Roberta Maione (2015/16)
Roberta Maione (Giugno 2015)
Roberta Maione con
l'Isolotto (????/??)
Roberta Maione con la
Virtus Roma (2011/12)
Roberta Maione con la
Virtus Roma (2011/12)
Roberta Maione con
l'Elba 97 (2010/11)
Roberta Maione con il Pescara
Futsal Femminile (2016/17)

Roberta Maione, nata a Napoli il 27 settembre 1988, è una giocatrice, nazionale italiana, di Calcio a 5 Femminile.

Cresciuta nell'Elba 97 dove rimane fino alla stagione 2010/11, veste la maglia della Virtus Roma nella sola stagione 2011/12 dopodiché si trasferisce all'Isolotto. Rimane nella squadra di Firenze per 3 stagioni (dal 2012 al 2015) dopodiché ad Agosto 2015 viene ingaggiata dalla squadra femminile appena costituita della Lazio Calcio a 5. Rimane in biancoceleste per un anno e mezzo (tutto il 2015/16 fino a Dicembre) durante il quale sigla 8 reti, sette delle quali nella prima fase del Campionato di Serie A Elite della prima stagione e, a Dicembre 2016, si trasferisce al Pescara Futsal Femminile in prestito. La stagione 2017/18 inizia per lei tra le fila dell'Olimpus.


Luglio 2011 - Arrivo alla Virtus Roma

La giovane, 22 anni, era sin dallo scorso anno obiettivo dell'allora Time Sport Roma, ed in particolare del suo tecnico Massimo Sega, che l'ha allenata durante la sua passata esperienza alla guida della rappresentativa toscana di calcio a 5 femminile. Roberta Maione, nonostante la giovane età, ha già un palmares di tutto riguardo con i suoi 3 titoli regionali, 3 coppe regionali, 3 finali nazionali e 4 coppe Italia giocate, ed è considerata tra le primissime giocatrici toscane. L'atleta è apparsa motivata ed entusiasta all'idea di affrontare questa nuova avventura: il suo innesto rafforza e completa una rosa già altamente competitiva.

Fonte: visconcordia.blogspot.it (commento del 28/07/2011)


Agosto 2015 - Arrivo alla Lazio Calcio a 5

La S.S. Lazio Calcio a 5 comunica con soddisfazione l’arrivo in bianco-celeste per la prima stagione in Serie A Elite della giocatrice Roberta Maione, proveniente dall’Isolotto Firenze. Nata a Napoli il 27 settembre 1988, ma toscana a tutti gli effetti anche se di adozione, Roberta viene da tre stagioni in forza all'Isolotto Firenze, nell'ultima delle quali ha messo a segno 18 gol nel Girone A di Serie A. Prima di vestirsi di viola, c’erano stati gli ottimi esordi con l’Elba ’97, con cui aveva vinto tre campionati regionali ed altrettante Coppe e, nel 2011/12, in quello che era il primo anno della Serie A Femminile, anche un’esperienza nella Capitale con la Virtus Roma. Una particolarità: è cresciuta all'Isola d'Elba ed è da lì che si presenta, in attesa di iniziare la preparazione con la Lazio: “La mia famiglia si trasferì qui per lavoro quando ero piccola e ci siamo stabiliti sull'isola – racconta – della mia prima esperienza a Roma ricordo soprattutto l’impatto, vivere all0Elba e spostarsi nella Capitale non è cosa da poco. Era il primo anno della Serie A e fu un’esperienza intensa, per me era la prima volta lontano da casa e venivo considerata un po’ al pari di una straniera – ricorda con il sorriso -, anche perché all0epoca le straniere vere erano molto meno di ora. Ho dovuto abituarmi, ricordo che mi capitava di dimenticare le chiavi attaccate alla porta… Ho vissuto a Firenze, ma non è la stessa cosa, è una città molto più concentrata, quasi un grande paese che una vera e propria città. Roma è più grande e sicuramente più dispersiva, ma infondo siamo qui prima di tutto per giocare”. Parla con estrema serenità Roberta, che a 27 anni quasi compiuti torna a Roma, con alle spalle quattro anni di esperienza di Serie A in più ed una presenza nella storica prima assoluta della Nazionale Femminile in quel del Foro Italico. E guarda avanti, anche quando l’argomento è la Nazionale: “La sera dell’esordio è stata bella ma lascio il passato al passato, giocavo con l’Isolotto, ora giocherò nella Lazio ed in Nazionale mi interesserà tornarci da giocatrice della Lazio. Avevo conosciuto qualcuna delle compagne ai tempi della Virtus ma poi ci siamo perse di vista, per me sarà tutto nuovo, un nuovo inizio. In questi giorni sto seguendo le attività delle società da lontano e non ne so nemmeno molto, non mi sono fatta nessuna idea particolare su quale squadra sia meglio dell’altra ma di certo quello che affronteremo sarà un campionato più impegnativo, visto che raccoglie le migliori dei vecchi gironi. Ogni partita sarà qualcosa di molto simile ad una finale. Sarà appunto, un campionato d’Elite”. La S.S. Lazio Calcio a 5 accoglie con grande piacere l’arrivo di Roberta Maione e si augura di vivere anche insieme a lei una stagione ricchissima di soddisfazioni in bianco-celeste.

Fonte: SS Lazio Calcio a 5 (commento del 12/08/2015)


Aprile 2016 - Conferma alla Lazio Calcio a 5

Femminile, Maione rinnova: Alla Lazio passione smisurata per il futsal. Con la stagione chiusa senza il raggiungimento dei playoff, in casa Lazio ci si continua ad arrovellare il cervello su quanto accaduto quest'anno, ripercorrendo le varie tappe di quest'annata, provando a immaginarsi un futuro che la società sta già cominciando a pianificare. Una delle note liete della cavalcata laziale, sia dal punto di vista sportivo che umano, è stata sicuramente Roberta Maione: con il suo elettrico modus vivendi, l'ex giocatrice di Isolotto e Virtus Roma, ha portato una ventata d'aria fresca all'interno dello spogliatoio. È proprio la numero 11 a raccontare le sensazioni vissute in questa stagione. “Purtroppo il finale non è stato quello che speravamo potesse essere, qualcosina in più potevamo fare. È altrettanto vero che abbiamo cominciato la stagione con metà squadra completamente nuova: siamo quasi partiti da zero, col mister che ha dovuto insegnarci tanto sul piano tattico e vedere i risultati di un grandissimo lavoro nell'arco di così poco tempo non era facile. Credo che alla fine questo possa considerarsi un anno di lavoro, di semina, coi frutti da raccogliere la prossima stagione, dando una continuità a questo gruppo”. La giocatrice dell'Isola d'Elba passa poi alla sfera personale: “Mettendo i vari anni della carriera sulla bilancia, questo alla Lazio, per importanza, è sicuramente il più pesante. Purtroppo l'infortunio muscolare mi ha privato di alcune partite in cui avrei voluto dare una mano alla squadra, ma a livello personale ho lavorato tanto su me stessa, reinventandomi completamente: a Daniele ho dato carta bianca e mi sono evoluta. Chi ora mi guarda da fuori mi dice che non sono la stessa giocatrice dello scorso anno: mi sento cresciuta, migliorata”. Anche se la strada da fare è ancora molta: “Ho ancora tantissime cose su cui lavorare, ma sento di aver messo delle basi solide, che mi permetteranno di fare una carriera migliore di qui in avanti”. E poi il gruppo, uno spogliatoio vissuto al cento per cento nei momenti felici e in quelli di difficoltà: “Da questo punto di vista è stato un anno bellissimo, salvo ogni singola cosa. Non ho mai avuto un problema con nessuna. Tutti gli anni penso di non dovermi legare in particolare a qualcuno, perché poi gli addii sono più difficili, invece resto sempre fregata. In particolare quest'anno ho conosciuto delle persone che porto via con me. Da Serena Benvenuto, un capitano tutto cuore che così speciale non avevo mai avuto, a Denny che avrà giocato sì e no dieci minuti tutto l'anno, ma non ha mai perso un solo istante di allenamento. Ognuna di loro mi ha dato e lasciato qualcosa: qui alla Lazio ho visto la passione vera. Non posso lamentarmi su alcunché”. Insomma, Maione è rimasta “fregata” e alla Lazio ha lasciato il cuore, tanto da voler restare. Proprio nelle scorse ore, infatti, è arrivato il rinnovo di comune accordo con la società: “So di aver dato tanto a questo progetto. Mi sono aperta a trecentosessanta gradi, ma quell'infortunio non mi ha permesso di raccogliere sul campo quanto seminato. È per tutto quello che ho detto in precedenza che spero di poter completare un lavoro iniziato quest'anno portandolo a compimento la prossima stagione”.

Fonte: SS Lazio Calcio a 5 (commento del 21/04/2016)


Dicembre 2016 - In Prestito al Pescara Futsal Femminile

Roberta Maione in prestito al Pescara Futsal Femminile. La S.S. Lazio Calcio a 5 comunica di aver formalizzato la cessione in prestito di Roberta Maione al Pescara Futsal Femminile. La società ringrazia la giocatrice dell'Elba per l'impegno profuso in questo anno e mezzo in maglia biancoceleste, augurandole le migliori fortune sportive con la maglia del Delfino.

Fonte: SS Lazio Calcio a 5 (commento del 02/12/2016)


Giugno 2017 - Trasferimento all'Olimpus

Roberta Maione con
l'Olimpus (2017/18)
(www.asolimpus.it)

Ufficiale: Roberta Maione all’Olimpus Roma. La Società Olimpus Roma comunica di aver raggiunto l’accordo per l’acquisizione delle prestazioni sportive di Roberta Maione per la stagione 2017/2018. La giocatrice, alla quale va il più sincero in bocca al lupo da parte dei vertici del club, si aggregherà alla squadra agli ordini di mister Daniele D’Orto per la consueta preparazione precampionato. Maione è nata a Napoli il 27 settembre 1988, nella scorsa stagione ha vestito la maglia numero 3 del Pescara. “L’Olimpus è una bella Società, già da un po’ di tempo ne sento parlare. Le vittorie di quest’anno, ci permetteranno di avere un percorso importante nella prossima stagione, nessuna squadra lo ha. Poi, una volta a Roma, siamo riusciti a trovare l’accordo e ho detto subito sì”, spiega Maione nella sua prima dichiarazione da giocatrice della formazione blues. Cosa ti aspetti per la prossima stagione? “Spero solamente sia una bella stagione. Lo dico per scaramanzia… (ride, ndr)”. Nella tua carriera hai avuto esperienze sportive importanti, tra cui quelle vissute alla Lazio, all’Isolotto Firenze e al Pescara… Cosa ti hanno lasciato? “Sono state tutte belle. Sicuramente, mi sento una giocatrice cambiata, Ogni squadra mi ha lasciato qualcosa”. Che posizione preferisci in campo? “Sono completamente a disposizione del mister. Il mio ruolo è quello di laterale, lo sento più mio. Mi piace cambiare ed imparare: quello che verrà lo prenderò sempre con serietà”. Giocherai con lo scudetto sul petto. Cosa provi? “E’ una bella emozione perché comunque porto sulla maglia il lavoro delle mie compagne, che hanno sudato e vinto. Spero di riuscire ad averne un pezzo anche mio nella prossima stagione”.

Fonte: www.asolimpus.it (commento del 21/06/2017)



Scheda aggiornata a Settembre 2017.



Torna ad inizio pagina