Domenica 22 dicembre 1974 - Varese, stadio Franco Ossola - Varese-Lazio 0-1

Da LazioWiki.

Stagione

Turno precedente - Turno successivo

22 dicembre 1974 1834. Campionato di Serie A 1974/75 - XI giornata - inizio ore 14,30

VARESE: Fabris, Valmassoi, Zignoli, Mayer, Lanzi, De Vecchi, Fusaro, Bonafé, Tresoldi, Marini G., Sperotto. (12 Della Corna, 13 Borghi, 14 Prato). All. Maroso.

LAZIO: Pulici F., Ghedin, Martini L., Wilson, Oddi, Badiani, Garlaschelli, Re Cecconi, Chinaglia, Frustalupi, D'Amico. (12 Moriggi, 13 Polentes, 14 Franzoni). All. Maestrelli.

Arbitro: sig. Barbaresco di Cormons.

Marcatori: 18' Garlaschelli.

Note: giornata splendida, terreno con ampie chiazze di terra e molto gibboso. Nessun ammonito. Espulso Garlaschelli. Presente in tribuna l'osservatore della Nazionale Italiana Azeglio Vicini. Sorteggio antidoping negativo.

Spettatori: 13.000 circa (abbonati 5.500) per un Incasso di £. 20.120.500.

La Lazio espugna Varese con molto cinismo, ma senza rubare nulla, anche se alla fine, i tifosi lombardi gridavano al furto. Il Varese, pur tenendo in pugno la gara per buona parte della partita, non trovava il guizzo vincente, cosa, invece, ben riuscita ai biancazzurri, pur giocando molto di rimessa e incapaci ad organizzare un gioco costruttivo. Priva di Petrelli e Nanni, Maestrelli schiera Ghedin e Badiani. Al 10' sono i lombardi a farsi avanti con Sperotto, il cui tiro è parato in tuffo da Pulici. Non passano che 8 minuti ed è la Lazio a colpire: lancio di Martini per Chinaglia che fa da sponda di testa per Garlaschelli defilato sulla destra; tiro teso che batte Fabris. Il Varese reagisce prontamente e al 22' dopo una lunga fuga di Bonafè sulla destra, passa a Tresoldi che di piatto manca fuori di un soffio. Al 27' è Chinaglia (fischiatissimo) a sbagliare il raddoppio, dopo una punizione battuta da Frustalupi, Lanzi commette un clamoroso errore, ma Long John s'inceppa facendo sfumare l'azione. Il primo tempo finisce qui, e la ripresa inizia col Varese in avanti, ma inconcludente, non impensierendo mai Pulici. Al 60' è ancora l'estremo difensore biancazzurro a deviare in angolo un bel tiro di Giampiero Marini. Al 70' Pulici effettua la più bella parata della partita salvando su tiro di Bonafè. I lombardi collezionano solo calci d'angolo, i biancazzurri controllano facilmente e portano a casa due punti preziosi che le permettono di mantenersi in corsa per lo scudetto.





Torna ad inizio pagina