Domenica 25 ottobre 1987 – Piacenza, stadio Galleana – Piacenza-Lazio 0-0

Da LazioWiki.

Stagione

Turno precedente - Turno successivo

28 ottobre 1987 - 7 - Campionato di Serie B 1987/88 - VII^ GIORNATA

PIACENZA: Bordoni, Colasante, Concina, Venturi, Tomasoni, Snidaro, Tessariol, De Gradi, Madonna, Roccatagliata, Simonetta (78' Serioli). All. Rota.

LAZIO: Martina, Brunetti, Beruatto, V.Esposito, Gregucci, Marino, Savino, Pin, Galderisi, Muro (40' Caso), Monelli. A disp. Salafia, Foschi, Piscedda, Nigro. All. Fascetti.

Arbitro: Sig. Luci (Firenze).

Note: giornata tipicamente autunnale con terreno allentato in buone condizioni. Ammoniti: Savino, Tomasoni, Concina, Galderisi, Colasante e Martina. Calci d'angolo: 9-1 a favore della Lazio.

Spettatori: 10.000 circa.

Una fase della gara
Alcuni ritagli di giornale della gara (Gent.conc. Giovanni Pantano)

E' finita 0-0 fra Piacenza e Lazio ma, ad essere sinceri, nel corso della gara ci è piaciuto maggiormente il Piacenza, squadra disincantata e spigliata che gioca un calcio pratico e piacevole, a tratti spettacolare, pur essendo basato su schemi all'italiana. La Lazio siamo convinti possa dare di più, si esprime a sprazzi e non sempre i centrocampisti sono in grado di mettere in condizione Galderisi e Monelli di trovarsi davanti alla porta avversaria, anche se in mezzo al campo Muro e Savino sono giocatori che sanno il fatto loro. Insomma, squadre da rivedere con la convinzione che il Piacenza sia destinato a un torneo alla grande, e biancoazzurri ad essere protagonisti. Cronaca. Primi minuti con il Piacenza in lieve disagio perché la Lazio fa soggezione eppoi è la prima volta che si trova di fronte ai blasonati avversari. Occasione, al 25', per i padroni di casa: Venturi conclude bene un passaggio filtrante di Roccatagliata e Martina para con difficoltà. La ripresa vede il Piacenza costantemente in avanti. De Gradi, Tessariol, Tomasoni e Roccatagliata operano un'azione di continuo pressing sulla trequarti avversaria, chiudendo ogni spazio ai biancoazzurri e, al 48', Madonna si trova a tu per tu con Martina, Marino interviene alla disperata e gli emiliani invocano, invano, il rigore. Bella triangolazione Savino e Galderisi, conclusa da Monelli termina di poco a lato. Azione corale conclusa da un forte tiro dal limite di Tomasoni, al 61': Martina sventa con bravura. Piacenza in avanti per agguantare il successo e Lazio nella propria metà campo a difendere, ma la partita finisce con un punto a testa.

Fonte: La Stampa