Domenica 3 novembre 1968 - Terni, stadio Benedetto Brin - Ternana-Lazio 2-0

Da LazioWiki.

Stagione

Turno precedente - Turno successivo

3 novembre 1968 - Campionato di Serie B 1968/69 - V giornata

TERNANA: Germano, Pandrin, Bonassin, Nicolini, Vianello, Marinai, Cardillo, Casisa, Sciarretta, F.Liguori, Meregalli. A disp.: Lugarà, Montepagani. All. Viciani.

LAZIO: Di Vincenzo, Onor, Rinero (67' Marchesi), Governato, Fontana, Soldo, Massa, Mazzola (II), Fortunato, Ghio, Morrone. A disp.: Fioravanti. D.T. Lorenzo. All. Lovati.

Arbitro: Sig. Mascali di Desenzano.

Marcatori: 65' F.Liguori, 72' F.Liguori.

Note: giornata di sole pallido disturbata da un forte vento, campo leggermente pesante per la pioggia della notte precedente. Larghissima rappresentanza di tifosi laziali presenti in tribuna. Qualche tafferuglio prima dell'inizio e al di fuori dello stadio. Calci d'angolo: 11-3 a favore della Ternana.

Spettatori: 15.000.

La Lazio raggiunge Terni forte di un secondo posto in classifica e reduce dalla straripante vittoria con il Como, così migliaia di tifosi entusiasti l'accompagnano fiduciosi in Umbria. Eppure la partita, nata con i presupposti migliori, si tramuta in un autentico tonfo poiché la Ternana con il suo "gioco corto", predicato dal suo allenatore Viciani, disputa una partita esemplare sotto il profilo agonistico e tattico. Rossoverdi sempre primi sul pallone, quasi tutti in avanti e indietro con dei sincronismi perfetti. Lazio stordita ma capace di reggere l'urto dei forsennati rivali per tutto il primo tempo. Primo campanello d'allarme con Cardillo che in diagonale sfiora il montante. Risponde la Lazio al 14' con Massa e Morrone poco lucidi in un'occasione creata nell'area umbra. Nella restante mezz'ora padroni di casa costantemente all'attacco con occasioni per Sciarretta e per lo scatenato Cardillo il cui tiro viene respinto sulla linea da Soldo con Di Vincenzo fuori causa. Si spera in qualcosa di meglio nella ripresa ma lo spartito non cambia. Al 65' primo goal degli umbri: Cardillo si beffa in slalom di Onor e Fontana, invita Di Vincenzo all'uscita e porge al solitario Liguori che non ha alcuna difficoltà ad insaccare di testa nella porta sguarnita. Lorenzo richiama allora Rinero e fa entrare Marchesi per dar modo a Soldo di avanzare. La mossa non porta a nulla di concreto per i biancocelesti che sono puniti al 72' da un altro goal di Liguori che riprende una conclusione di Cardillo respinta dal palo. Il successo della Ternana potrebbe assumere proporzioni più vistose se Mascali non annullasse un goal di Sciarretta per carica su Di Vincenzo. Meritatissimo il successo della Ternana, per la Lazio una sconfitta assai pesante.



Torna ad inizio pagina