Domenica 13 aprile 1947 - Roma, stadio Nazionale - Lazio-Bologna 3-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

13 aprile 1947 - Campionato Italiano di calcio Divisione Nazionale Serie A 1946/47 - XXVIII giornata

LAZIO: Giubilo, Cassano, Antonazzi, Alzani, Gualtieri, Brunetti, Puccinelli, Magrini, Koenig, Flamini, Lombardini. All. Cargnelli.

BOLOGNA: Vanz, Giovannini, Spadoni, Marchi, B.Sárosi (III), Ballacci, Biavati, Arcari (IV), Cappello (IV), Valcareggi, Sipos.

Arbitro: sig. Savio di Torino.

Marcatori: pt 31' Gualtieri, st 8' Puccinelli, 27' Koenig, 44' Arcari (IV).

Note: giornata primaverile. Terreno buono. Alla metà del pt si è infortunato Brunetti che è stato costretto a spostarsi, pressoché inutilizzabile, all'ala sinistra. Magrini ha preso il suo posto.

Spettatori: numerosi.

La formazione della Lazio: Gualtieri, Giubilo, Lombardini, Magrini, Koenig, Puccinelli, un tifoso, Cassano; Antonazzi, Alzani, Brunetti, Flamini
La formazione del Bologna: Lelovich (all.), Vanz, Giovannini, Sipos, Ballacci, Cappello, Marchi; Valcareggi, Biavati, Arcari (IV), Spadoni, Sárosi (III)

Due punti d'oro in chiave salvezza. La Lazio li ha cercati con caparbietà e forza di carattere e li ha ottenuti contro un Bologna lontano parente dello squadrone che si ricordava. Il Bologna ha segnato, allo scadere della partita, sugli sviluppi di un calcio di punizione tirato da Cappello, ribattuto dalla barriera, ripreso di nuovo da Cappello che ha servito Arcari il quale non ha avuto difficoltà a battere Giubilo da due metri. Splendidi tra i biancocelesti Cassano, Gualtieri, Puccinelli e Flamini. Nel Bologna sufficienti le prove di Biavati, della mediana e di Giovannini, l'unico a non demeritare in difesa.

Il pt è stato totalmente di marca biancoceleste. Al 2' Lombardini manca il goal di un niente. Al 4' Giubilo para facilmente su Cappello. Al 31' Sárosi atterra Koenig al limite dell'area. La susseguente punizione è battuta da Gualtieri che sorprende l'immobile Vanz. Reagisce il Bologna, ma le azioni di Biavati, Valcareggi, Arcari e Cappello si spengono di fronte alla difesa biancoceleste in giornata di grazia.

Sul finire del tempo riprende l'attacco dei romani e Vanz è spesso sotto pressione. Al 2' della ripresa Alzani manda fuori di pochissimo. All'8' Lombardini è atterrato da Spadoni e Gualtieri batte ancora la punizione che è respinta dalla barriera. Riprende il medesimo giocatore che smista a Puccinelli appostato al centro dell'area di rigore. Una folgore e Vanz è battuto nell'angolo basso.

La Lazio si tranquillizza e il Bologna spinge con più convinzione. Al 16' Marchi sfiora la traversa. Al 27', con il Bologna troppo avanzato, Koenig lancia Puccinelli e da questi la sfera ritorna a Koenig che fa due passi, si aggiusta il pallone, prende la mira e la sfera supera la linea fatale. Al 36' vi è una bella parata di Giubilo su tiro di Sipos. Poi il Bologna segna il goal della bandiera come precedentemente descritto.

Qualche momento del match