Domenica 13 gennaio 1963, Trieste, stadio P. Grezar - Triestina-Lazio 0-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

13 gennaio 1963 - 17 - Campionato di Serie B 1962/63 - XVII^ Giornata

TRIESTINA: Mezzi, Frigeri, Vitali, Dalio, Merkuza, Sadar, Mantovani, Secchi, Vit, Porro, Santelli. All.Colaussi.

LAZIO: Cei, Zanetti, Pavone, Pagni, Garbuglia, Gasperi, Bizzarri, Landoni, Rozzoni, Morrone, Governato.All. Lovati . D.T. Lorenzo.

Arbitro: Sig. Carminati (Milano).

Marcatori: 18' Rozzoni.

Note: giornata plumbea con fortissime raffiche di bora, temperatura polare; campo liberato dalla neve caduta copiosa nei giorni precedenti. Debutto nella Lazio di Pavone. Espulso Santelli. Ammoniti : Vitali, Gasperi e Sadar .

Spettatori: 3.500 .

Lazio corsara a Trieste in virtù di una gara condotta con intelligenza e applicazione. Vigilia tormentata quella che precede la trasferta. La Lega blocca il trasferimento di Mialich dalla S.P.A.L. in quanto la società romana viene meno agli accordi presi circa le modalità di pagamento del prestito del difensore. Ancora una volta da Milano viene sottolineato il gravoso deficit che affligge il club. Con Moschino squalificato, Lorenzo avanza a mezz'ala Landoni inserendo come ala tattica Nello Governato. Debutta in prima squadra il giovane Pavone autore di un'ottima prestazione nella marcatura di Mantovani. I biancocelesti dominano l'incontro sia dal punto di vista tattico quanto per il maggior tasso tecnico nei confronti degli alabardati. Squadra equilibrata con difesa registrata e diretta com maestria da Gasperi, bene il filtro operato dai centrocampisti e spumeggiante la prova dei due attaccanti Morrone e Rozzoni. E' quest'ultimo a decidere il match con un gran goal al 18'. Il numero nove recupera un disimpegno della sua difesa e parte in progressione dalla linea di metà campo. Invano due difensori cercano di fermare la sua corsa. Anche il portiere Mezzi viene superato e così Rozzoni può insaccare con un imperioso diagonale. La Triestina si spinge generosamente in avanti, ma le sue elaborate trame di gioco vengono facilmente addomesticate dai romani che senza correre alcun pericolo chiudono vittoriosi l'incontro.

La classifica: Messina (p.26) , Bari, Brescia*, Padova e Foggia (p.21) , Verona e Lazio (p.19) , Pro Patria* e Lecco* (p.18) , Cagliari, Simmenthal Monza e Catanzaro (p.16) , Udinese e Cosenza* (p.15), Triestina (p.14), Como (p.13), Alessandria, Lucchese e Parma (p.12) , Sambenedettese (p.11).

  • Una partita in meno
La locandina del match