Domenica 17 settembre 1978 - Roma, stadio Olimpico - Lazio-L.R.Vicenza 1-0


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

17 settembre 1978 - 1973 - Coppa Italia 1978/79 - Girone 2 - gara 5

LAZIO: Cacciatori, Ammoniaci, Martini, Wilson, Manfredonia, Cordova, Garlaschelli, A.Lopez, Giordano, D'Amico, Badiani (75' Cantarutti). All. Lovati.

L.R. VICENZA: E.Galli, Callioni, Marangon (I), Guidetti, Prestanti, Stefanello, Cerilli, G.Salvi, Briaschi (I) (75' Mocellin), Faloppa, Roselli. All. G.B. Fabbri.

Arbitro: Michelotti (Parma).

Marcatori: 88' Manfredonia.

Note: Serata calda, terreno in buone condizioni.

Spettatori: 25.000 circa

Wilson sventa un'azione dei veneti
Giordano impegna Galli
Il titolo della Gazzetta del 18/9/78
Intervista a Manfredonia
17set78d.jpg

La Lazio agguanta il passaggio al turno successivo di Coppa Italia, a due minuti dalla fine grazie a una rete (la prima) di Manfredonia che da 7/8 metri scaricava con un sinistro al volo mettendo alle spalle di Galli. I vicentini privi di Rossi avevano provato a contenere le offensive biancazzurre giocando in difesa. E' solo al 35° che arriva la prima azione pericolosa, grazie a Giordano ben lanciato da D'Amico, ma che Galli respinge con mestiere. Un minuto dopo è lo stesso D'Amico a mandare la palla alta sopra la traversa. Risponde il Vicenza con Guidetti, ma Cacciatori para da campione. Al 41° la Lazio reclama un rigore per atterramento di Guidetti ai danni di D'Amico. All'inizio della ripresa Manfredonia per poco non combina una frittata, allungando la palla indietro fuori dalla portata di Cacciatori, scivolato a terra. Palla in angolo. Al 55° e al 57° due conclusioni di testa di D'Amico e Wilson, sono ben parati da Galli. Nella metà del tempo la Lazio reclama un rigore sempre per atterramento di D'Amico.. I biancazzurri ci provano in tutte le maniere, finché non arriva il sospirato goal di Manfredonia che manda lo stadio in delirio e qualifica la Lazio.

Nota

All'inizio della trasmissione La Domenica Sportiva in onda in serata, il conduttore si collega con lo stadio Olimpico dove mancano pochi minuti alla fine. Mentre il telecronista inviato allo stadio illustrava l'andamento della gara la Lazio passa in vantaggio e la rete viene trasmessa in diretta.