Domenica 19 marzo 1967 - Ferrara, stadio Comunale - Spal-Lazio 4-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

19 marzo 1967 - Campionato di Serie A 1966/67 - XXV giornata

S.P.A.L.: E.Galli, Tomasin, Pasetti, Reja, Moretti, Bertuccioli, Dell’Omodarme, Massei, Rozzoni, Capello, Bosdaves. All. Petagna.

LAZIO: Gori, Zanetti, Adorni, Dotti, Pagni, Anzuini, D'Amato, Carosi, Morrone, Burlando, Bagatti. All. Neri.

Arbitro: Sig. Monti (Ancona).

Marcatori: 16' Bagatti, 20' Rozzoni, 31' Massei (rig), 52' Bosdaves, 71' Bosdaves.

Note: giornata di sole, terreno in buone condizioni. S.P.A.L. in maglia granata per dovere di ospitalità. Ammoniti: Carosi, Dotti e Capello. Incidente a Zanetti dopo uno scontro con Capello. Folta rappresentanza di tifosi laziali sugli spalti. Angoli: 11-2 per la S.P.A.L. .

Spettatori: 12.000 circa per un incasso di £. 8.300.000.

La Lazio crolla a Ferrara al termine di una partita disputata con scarsa volontà e poco agonismo, pagando in particolare la pessima giornata dei suoi difensori. Eppure le battute iniziali dell'incontro mostrano una squadra spigliata e ben disposta in campo. D'Amato parte a mille e due sue iniziative mettono in allarme la difesa emiliana. Poi Morrone lancia in maniera splendida Bagatti che viene fermato da un discutibile fuorigioco. E' il preludio al goal che vede ancora protagonisti l'argentino che serve in profondità l'ala che si presenta da solo di fronte a Galli che viene battuto da un violento tiro centrale a mezz'altezza. La gioia del vantaggio dura però appena quattro minuti. Un cross innocuo che sta per finire tra le braccia di Gori viene respinto da Anzuini che ignora la chiamata del suo portiere: il pallone viene raccolto da Bosdaves che crossa al centro per Rozzoni. L'ex colpisce fiacco di testa e Gori dà uno schiaffetto alla sfera che carambola sul palo e poi finisce in rete. Un autentico doppio regalo consegna il pari ai padroni di casa. Alla mezz'ora arriva il raddoppio nel quale è l'arbitro a divenire protagonista. Tiro di Pasetti destinato sul fondo che incoccia tra corpo e braccio di Adorni. Fallo involontario, ma Monti assegna il rigore che Massei s'incarica di trasformare. Al 40' si registra l'infortunio di Zanetti che ha la peggio in uno scontro con Capello; il terzino claudicante si colloca all'ala. Malgrado giochi praticamente in dieci la Lazio tenta qualcosa all'inizio della ripresa, ma una gagliarda S.P.A.L. tiene bene il campo soprattutto con i suoi centrocampisti Reja e Capello. Al 52' ancora un errore della difesa viene pagato a caro prezzo. Gori blocca in sicurezza un pallone e con le mani appoggia verso Dotti al limite dell'area. Il mediano invece di rilanciare in avanti riappoggia verso il suo portiere. Bosdaves come un fulmine s'infila tra i due e segna il più facile dei goal. La quarta segnatura è ancora firmata dallo stesso Bosdaves. Anzuini manca la chiusura sull'ala che al cospetto di Gori tira fuori un pregevole pallonetto che termina in rete. Solo in chiusura la Lazio potrebbe render un po' meno amaro il suo pomeriggio ma Bagatti centra un palo interno e Galli si ritrova il pallone tra le mani. Sconfitta pesante dopo alcune buone prestazioni, un risultato che permette alla S.P.A.L di riagguantare la stessa Lazio al quart'ultimo posto in classifica a quota 20 punti.