Domenica 1 dicembre 1985 - Roma, stadio Olimpico – Lazio-Genoa 1-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

1 dicembre 1985 - 2258 - Campionato Italiano di calcio Divisione Nazionale Serie B 1985/86 - XIII giornata

LAZIO: Malgioglio, Podavini, Calisti, Galbiati, Calcaterra, Magnocavallo, Torrisi (67' G.Damiani), G.Corti, Fiorini, Toti, Garlini. A disp. Ielpo, Filisetti, Spinozzi, Fonte. All. Simoni.

GENOA: Cervone, Torrente, Trevisan, Boscolo (46' G.Marini), Faccenda, Policano, Guerra, Mileti, Auteri (7' Mauti), G.M.Butti, Tacchi II. All. Burgnich.

Arbitro: Leni (Perugia).

Marcatori: 20' G.M.Butti, 89' Garlini (rig).

Note: ammoniti Guerra, Trevisan, Garlini, Mauti e Cervone. Angoli 10-0 per la Lazio.

Spettatori: 27.000 circa di cui 16.506 paganti.

Il biglietto della gara
Fiorini contrastato da Trevisan
La rete di Butti
Contrasto aereo tra Policano e Corti

Ancora lui, Giorgio Magnocavallo... Da un rigore provocato e non assegnato (precedente partita all'Olimpico con l'Ascoli) a uno conquistato e concesso: per quanto sia stato dubbio il fallo su di lui commesso da Guerra. Comunque sia quasi al 90' la Lazio ha riacciuffato il Genoa, scappato via capitalizzando uno dei due tiri in porta di tutta la partita, quello di Butti sfuggito alla guardia di Galbiati e G.Corti dopo venti minuti di gioco. L'altra conclusione degli ospiti sarà poi una punizione di Tacchi disinnescata in presa alta da Malgioglio. E la Lazio? Poca cosa. Priva di Caso e Poli, gli unici in grado di costruire la manovra, i biancocelesti hanno arrancato cercando di innescare le due punte, Garlini e Fiorini, al rientro, ma l'unico a rendersi pericoloso è stato come al solito Magnocavallo assiduo fornitore di cross per i due arieti. L'ingresso di G.Damiani per Torrisi ha almeno portato un po' di vivacità in più. Se l'è cavata il giovane Toti, che gioca però davanti alla propria difesa e raramente si propone come regista avanzato. Ci sono stati altri episodi dubbi nelle due aree, Leni ha diretto decisamente male, ma il Genoa si è ritirato in difesa capitolando tra proteste vibrate solo allo scadere.