Domenica 1 giugno 1969 - Modena, stadio A. Braglia - Modena-Lazio 1-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

1 giugno 1969 - Campionato di Serie B 1968/69 - XXXV giornata

MODENA: Ciceri, Vellani, D.Landini, Franzini, Balugani, Barucco, Iseppi, Merighi, Console, Toro (69' Braglia), Marciani . A disp.: Colombo. All. Cavazzuti.

LAZIO: Di Vincenzo, Rinero, Facco, Governato, Soldo, Marchesi, Morrone, Mazzola (II), Fortunato (78' Massa), Ghio, Cucchi. A disp.: Fioravanti. All. Lorenzo.

Arbitro: Sig. Panzino di Catanzaro.

Marcatori: 11' Morrone, 45' Merighi.

Note: cielo coperto, temperatura afosa, terreno in buone condizioni. Presente una folta rappresentanza di tifosi laziali. Calci d'angolo: 7-5 a favore del Modena.

Spettatori: 20.000 circa.

Il titolo del Corriere dello Sport sulla gara
Il goal di Morrone

Un incontro a due facce: valido nel primo tempo e deprimente nel secondo. Un pareggio utile, sia per la Lazio ormai a un passo dalla serie A sia per il Modena che mantiene il minimo margine di sicurezza sulla terz'ultima in classifica. Se le due squadre al 90' sono soddisfatte, altrettanto non si può dire dei tifosi che di fronte allo spettacolo scadente della ripresa fischiano impietosi i protagonisti della gara. L'inizio della partita è interessante. Marciani al 5' spedisce fuori di un soffio e poi Console si fa precedere da Di Vincenzo in uscita. Replica la Lazio con una triangolazione Fortunato-Ghio-Mazzola (II) il cui tiro finisce sull'esterno della rete. All'undicesimo romani in vantaggio. Punizione dal limite calciata da Mazzola (II) e raccolta dalla testa di Ghio che fa da torre per Morrone che al volo spedisce alle spalle di Ciceri. Trascorrono tre minuti e la Lazio potrebbe raddoppiare ma Rinero di fronte al portiere perde il tempo giusto per concludere. Di Vincenzo viene poi chiamato a due interventi difficili su tiri dalla distanza di Console, ma è sempre la Lazio a gestire la partita sorretta da un Morrone superlativo. Soldo, che gode di molta libertà, va molto vicino alla segnatura in due occasioni. Prorio allo scadere, in maniera inaspettata e fortunosa, gli emiliani agguantano il pari. Merighi parte da metà campo e smista verso Console che tira dal limite dell'area. Il pallone svirgolato si tramuta in un assist per lo stesso Merighi che calcia forte e preciso battendo l'incolpevole Di Vincenzo. Alla ripresa del gioco un paio di puntate in avanti dei biancocelesti fanno ben sperare, ma ben presto le due squadre iniziano a non calpestarsi i piedi e una stucchevole melina si protrae sino al termine. Fischi e sberleffi accompagnano Modena e Lazio negli spogliatoi. Mancano tre giornate alla fine e per i biancocelesti, che mantengono cinque lunghezze sulla quarta, il successo sul pericolante Lecco, prossimo avversario all'Olimpico, potrebbe significare la matematica promozione in serie A.