Domenica 23 ottobre 1932 - Roma, stadio del P.N.F. - Lazio-Roma 2-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

23 ottobre 1932 - 357. Campionato di Serie A 1932/33 - VI giornata - inizio ore 15,00

LAZIO: Sclavi, Bertagni, Del Debbio, Serafini, Pardini, Fantoni (II), Guarisi, Fantoni (I), Bisigato, Castelli, De Maria. All. Sturmer.

ROMA: Masetti, Mattei (I), Bodini, Ferraris (IV), Bernardini, Dugoni, Costantino, Banchero (I), Volk, Lombardo, Chini. All. Baar.

Arbitro: Sig. Carraro di Padova.

Marcatori: 46' De Maria, 63' Volk, 83' Castelli.

Note: presente in tribuna il C.T. della Nazionale commendator Pozzo.

Spettatori: 25.000 circa per un incasso di 200.000 lire.

L'incontro ha inizio alle 15:08 con il calcio d'inizio a favore della Roma. Costantino scavalca subito Del Debbio ma è bravo Bertagni ad intervenire e ad appoggiare per Sclavi. Tentativi di Filò e di Costantino seguiti da due interventi fallosi consecutivi di Pardini su Banchero. Al 3' arriva la prima emozione. Punizione per la Lazio al limite dell'area. Sul pallone si posiziona Filò che calcia fuori. Carraro però fa ripetere il tiro perché gli avversari non erano posizionati alla distanza prescritta. Di nuovo Filò sulla palla, questa volta il laziale segna ma Carraro annulla il goal perché la punizione era di seconda e il pallone era entrato direttamente in rete. La Lazio ci crede e al 6' una splendida rovesciata di Bisigato trova De Maria poco attento a ribadire in porta. Reagisce la Roma con un'azione Banchero-Costantino che sfuma in angolo. Alla battuta, Costantino pesca Dugoni in area ma Carraro fischia per un precedente fallo di mano. Al 10' altro corner contro i laziali e stavolta è Fantoni (II) a salvare. Al 12' ancora giallorossi in avanti con Volk, il cui tiro è bloccato da Sclavi. Poi Castelli e Bisigato imbastiscono una pericolosa discesa ma Masetti è bravo a intervenire, infortunandosi irrimediabilmente al braccio destro. Cambio di fronte al 14' quando Bertagni respinge corto sull'avanzata di Lombardo: sopraggiunge Bernardini che colpisce al volo di potenza mandando la sfera di poco sopra la traversa. Segue un periodo di lieve predominio della Roma ma senza conseguenze. Al 22' Ferrero batte un calcio di punizione scaturito da un intervento falloso di Pardini ai danni di Banchero. La palla cade perfettamente sui piedi di Volk che, a tre metri dal goal, sbaglia, ripetendo a pochi secondi di distanza l'imperdonabile errore. Al 25' corner per la Lazio e Serafini manda di poco a lato, Bisigato allunga a destra ma Filò non intuisce l'azione. Al 30' bel passaggio di Chini per Volk che ancora una volta non riesce a sfruttare l'occasione. Successivamente Masetti para su tiro di Bisigato. Poi è Sclavi a intervenire al 35' su Banchero e al 38' su Chini, frenando le minacce giallorosse. Il lavoro instancabile di Banchero non dà frutti, sia per la stretta marcatura di Fantoni (II) che, seppur ammonito, non gli lascia spazio, sia per la lentezza e imprecisione di Volk. All'ultimo minuto del primo tempo un attacco della Lazio sembra dover impensierire Masetti, ma De Maria viene atterrato e Mattei spazza via il pericolo. Alla ripresa, neanche il tempo di un giro d'orologio che la Lazio passa. Bisigato allarga a Fantoni (I) che a sua volta lancia De Maria: nulla può Masetti sul perfetto traversone dell'ala laziale. La Roma non ci sta e impiega tutte le sue forze per ristabilire la parità. Ci riesce al 18', dopo una serie di corner e di tiri infruttuosi, con un tiro di Volk imbeccato da Bernardini: la palla da Dugoni va a Chini ma l'astuta ala romanista, invece di tirare, temporeggia il tanto che basta per servire al centro per Volk, sfuggito alla marcatura di Bertagni. La Lazio vorrebbe ripartire ma è bloccata dalla fitta trama romanista Bernardini-Chini-Banchero, che prende di mira l'angolo sinistro della porta di Sclavi, ma questi para. Rosario di punizioni e tiri a lato da ambo le parti. Al 26' un pallone di Fantoni (I) è facile preda di Masetti. Un minuto dopo, sul fronte opposto, Sclavi ferma un cross da calcio d'angolo di Chini. Poco dopo Carraro non rileva la posizione di fuorigioco di Filò e Masetti salva in una fortunosa parata. Al 34' perfetta intesa Bernardini-Banchero con la sfera finita alta. Al 35' pericolo per la porta laziale con Chini che traversa al centro per Costantino il quale, sopraggiungendo in corsa, manca il pallone di testa. A questo punto la Lazio riesce a ripartire e a svincolarsi dalla pressione avversaria. Fantoni (I) allarga a Filò e Masetti, a fatica, riesce a parare. Costantino cerca di far ripartire la squadra ma una serie di falli di Faele, Dugoni e Ferraris, fruttano altrettante punizioni che fanno tornare la minaccia sotto la porta della Roma. Proprio sull'ultima di questa serie di punizioni, al 38', Pardini lancia a Filò: due passaggi a Fantoni (I) e a Castelli il quale, con un tiro a mezza altezza, sorprende Masetti realizzando il definitivo 2-1. La Roma sembra rassegnata e rischia nuovamente con Bisigato che al 40' sbaglia la mira di poco. Un'azione Bernardini-Chini parata da Sclavi; una punizione contro la Lazio salvata da Fantoni (II) e una contro la Roma finita con un tiro di Filò respinto prima dalla barriera giallorossa e poi da Mattei; una discesa Banchero-Costantino culminata con un tiro alto dell'ala romanista. Arriva il fischio finale dell'arbitro. I biancocelesti danno libero sfogo alla loro gioia mentre i tifosi, pur con diverso stato d'animo, mantengono un contegno perfettamente corretto e sereno.





Torna ad inizio pagina