Domenica 5 aprile 1970 - Verona, stadio Bentegodi - Verona-Lazio 1-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

5 aprile 1970 - 1638 - Campionato di Serie A 1969/70 - XXVII giornata

VERONA: Pizzaballa, Sirena, Stenti, Ferrari, Batistoni, Mascetti, D'Amato, Maddè, Clerici, Orazi (46' Mascalaito), Bui. A disp. De Min. All. Lucchi.

LAZIO: Di Vincenzo, Papadopulo, Wilson, Governato, Polentes, Marchesi, Massa, Mazzola (II), Chinaglia, Ghio (66' Morrone), Fortunato. A disp. Fiorucci. All. Lorenzo.

Arbitro: Michelotti (Parma).

Marcatori: 1' Clerici, 44' Polentes.

Note: cielo coperto, freddo intenso, vento nel senso longitudinale del campo (primo tempo a favore della Lazio); terreno in discrete condizioni. Ammonito Governato per gioco scorretto. Calci d'angolo: 8-4 a favore del Verona.

Spettatori: 20.000 circa con 10.500 paganti e 7.830 abbonati per un incasso di £.14.758.100.

Dall'Unità del 6/04/1970: la cronaca della gara
La rete di Clerici
Polentes anticipa Pizzaballa e insacca
L'esultanza di Polentes

Comincia nel peggiore dei modi questa trasferta a Verona poiché al primo assalto gli scaligeri vanno a rete. Su calcio d'angolo battuto da Maddè, Clerici anticipa Polentes e supera Di Vincenzo con un colpo di testa. Lazio in stato confusionale e Verona baldanzoso in avanti. Clerici è incontenibile e Polentes, suo marcatore, vede i sorci verdi. Il brasiliano sfiora il raddoppio al 10' e poi al 15' quando Di Vincenzo deve compiere un grande intervento di piede. Lorenzo corre ai ripari e modifica alcune marcature in difesa: gli effetti sono subito positivi. La partita diviene entusiasmante con i suoi repentini cambiamenti di fronte. Bui impegna severamente il portiere biancoceleste e quindi al 22' Massa supera Pizzaballa, ma Stenti recupera sulla linea di porta. Alla mezz'ora Wilson sbroglia in acrobazia una situazione pericolosa quindi al 42' Ghio spara a botta sicura e per la seconda volta Pizzaballa è salvato da un compagno (Mascetti) appostato sulla linea. E' il prologo al pareggio che matura quasi allo scadere. Punizione battuta da Governato raccolta di testa da Chinaglia che spizza in direzione di Polentes che sempre di testa mette dentro. Per l'ex perugino la gioia del primo goal in serie A e il perdono per il suo disastroso inizio di partita. Nella ripresa Chinaglia guida i suoi alla carica e al 64', lasciato surplace Sirena, scarica un sinistro pauroso su cui Pizzaballa si stende con grande classe. Il Verona non sta a guardare e la "torre" Bui con i suoi vertiginosi stacchi di testa tiene sempre in apprensione la retroguardia romana. Partita sempre sul filo dell'equilibrio e a sette minuti dal termine Lazio vicinissima al raddoppio. Servizio ficcante di Massa per un lanciato Mazzola (II) che da una decina di metri costringe Pizzaballa ad un intervento miracoloso. Finisce così in parità e la Lazio continua la sua serie positiva mostrando di essere la squadra più in forma del Campionato. La Juventus, prossima avversaria a Roma, è ben avvisata.