Domenica 5 ottobre 1969 - Cagliari, stadio Amsicora - Cagliari-Lazio 1-0


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

5 ottobre 1969 - 1613 - Campionato di Serie A 1969/70 - IV giornata

CAGLIARI: Albertosi, Martiradonna, Zignoli, Cera, Niccolai, Tomasini, Domenghini, Brugnera, Gori, Greatti, Nastasio. A disp.: Reginato, Poli. All. Scopigno.

LAZIO: Di Vincenzo, Papadopulo, Facco, Wilson, Soldo, Marchesi, Massa, Cucchi, Fortunato, Chinaglia, Dolso (88' Ghio). A disp.: Fiorucci. All. Lorenzo; in panchina Lovati.

Arbitro: Carminati (Milano).

Marcatori: 63' Brugnera.

Note: giornata estiva, leggermente ventilata; terreno in ottime condizioni. Ammoniti Brugnera e Greatti per proteste. Calci d'angolo: 11 a 2 a favore del Cagliari.

Spettatori: 28.000 con 13.977 paganti 14.000 abbonati per un incasso di £.13.000.000.

Il titolo dell'Unità
La rete di Brugnera
Chinaglia in azione
Un'altra immagine della rete di Brugnera
un attacco dei rossoblu in area laziale
Chinaglia cerca la via del gol

Ancora un turno difficile d'affrontare per la Lazio, ma la grande vittoria sul Milan autorizza più di una speranza. Cagliari privo di Nenè, ma soprattutto del suo condottiero Gigi Riva; biancocelesti incompleti per le assenze di Mazzola (II) e Morrone oltre a quella perdurante di Governato. Già al primo minuto la squadra potrebbe passare in vantaggio: Cucchi s'insinua tra tre avversari e si presenta solo dinanzi ad Albertosi, ma invece di un comodo pallonetto tenta la soluzione di forza permettendo al portiere sardo di respingere con il corpo. Il Cagliari reagisce ma senza le idee chiare e così la Lazio si riaffaccia pericolosa in avanti. Al 21' Fortunato serve in area Massa che al momento del tiro viene spinto da tergo da Niccolai: Carminati fa cenno di continuare. Il Cagliari si scuote e seppur in maniera confusa chiude i romani nella loro metà campo. Di Vincenzo è impegnato ripetutamente sino al 45'. Prima Martiradonna, quindi Nastasio e Niccolai si rendono pericolosi, ancora un tiro di Domenghini che sibila vicino al palo e un gran colpo di testa di Gori, quasi allo scadere, sul quale il portiere si produce in un grande intervento. Nella ripresa il copione non cambia con la Lazio che si difende e che in avanti non sostiene a dovere Chinaglia, troppo solo e chiuso nella morsa dell'attenta difesa isolana. Domenghini sale in cattedra e un suo pallonetto esce di poco, quindi, dopo un tiro senza pretese di Nastasio, l'ala scarica una bordata delle sue alla quale risponde un grande Di Vincenzo. Al 63' i padroni di casa passano in vantaggio. Soldo perde il pallone in modo banale e Brugnera lo scodella al centro, Di Vincenzo respinge fiacco sulla sinistra dando modo a Domenghini di ribattere con un pallonetto verso la porta vuota. Sulla traiettoria interviene in tuffo Brugnera che di testa mette dentro, malgrado sulla linea siano accorsi Wilson e Cucchi. C'è il tempo di recuperare e i biancocelesti si lanciano in avanti. Fortunato sfiora il palo con una violenta punizione quindi Chinaglia è anticipato di un soffio da un'uscita di Albertosi e anche Dolso prova ma senza fortuna. A due minuti dal termine Lorenzo manda in campo Ghio, una decisione che andava presa molto prima considerando le difficoltà di Chinaglia e la rete subita con ancora una mezz'ora da disputare. Partita dai contenuti modesti con una vittoria meritata da parte del Cagliari ma che la Lazio, con un pizzico di fortuna e senza qualche errore del suo tecnico, avrebbe potuto anche impattare.