Domenica 6 dicembre 1953 - Roma, stadio Olimpico - Lazio-Spal 2-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

6 dicembre 1953 - Campionato di Serie A 1953/54 - XII giornata

LAZIO: Sentimenti (IV), Antonazzi, Montanari, Fuin, Sentimenti (V), Bergamo, Puccinelli, Bredesen, Vivolo, Burini, Fontanesi (I). All. Sperone.

SPAL: Bertocchi, Lucchi, Dell'Innocenti, Busnelli, Bernardin, Castoldi, Olivieri, Stefanini, Bulent, Ekner, De Vito. All. Janni.

Arbitro: sig. Marchetti di Milano.

Marcatori: 20' Burini, 66' Bredesen, 82' Olivieri.

Note: giornata primaverile, terreno in perfette condizioni.

Spettatori: 30.000 circa.

Il risultato rispecchia fedelmente l'andamento della partita e il divario delle forze in campo. La Lazio ha giocato meglio ed è stata più determinata nella volontà di vincere. La Spal non ha demeritato e ha messo in mostra un gioco piacevole e mai ostruzionistico ma la Lazio ha prevalso per la qualità delle sue individualità. La cronaca si apre al 14' con un tiro di Puccinelli parato da Bertocchi. Al 15' Burini fallisce il bersaglio con un tiro dal limite. Al 20' Fontanesi centra e la palla, dopo essere stata mancata da un gran numero di giocatori, perviene a Puccinelli che, in mezza rovesciata e pur colpendo debolmente, mette in difficoltà Bertocchi che non riesce a bloccare il pallone e per Burini, appostato nei pressi, è un gioco mettere in rete. Al 26' Bertocchi si riscatta con una bella parata su tiro di Fontanesi. Da segnalare al 30' e al 40' due clamorosi errori dello stesso Fontanesi che si trova solo davanti al portiere spallino ma tira a lato. Al 41' è invece la Spal a fallire una buona occasione con Bulent che mette a lato da ottima posizione. Al 44' è Antonazzi che salva magnificamente su De Vito lanciato da Busnelli. La ripresa si apre con un leggero predominio ferrarese ma Sentimenti IV non corre nessun pericolo anche per merito di una difesa laziale accorta e determinata sebbene priva di un pilastro come l'infortunato Malacarne. Al 46' "Cochi" non ha nessuna difficoltà a intercettare una puntata di De Vito. Al 48' e al 52' due tiri di Bulent e di Ekner non inquadrano la porta. L'occasione migliore i biancocelesti spallini, la Lazio indossa una maglia granata per dovere di ospitalità, l'hanno al 64' quando Sentimenti IV alza brillantemente sopra la traversa una staffilata di Olivieri. A questo punto la Lazio decide di riprendere in mano le redini del gioco e il più deciso è il norvegese Bredesen che al 65' costringe Bertocchi ad una splendida parata. Nulla può, però, il valoroso portiere ospite un minuto dopo quando Bredesen, giunto al limite dell'area dopo uno scambio con Fuin, lascia partire una folgore che Bertocchi neppure tenta di intercettare. Ancora il simpatico "Varechina" al 74', dopo aver scavalcato elegantemente il portiere, non riesce a raggiugere il pallone e a spedirlo in porta. Nell'ultimo quarto d'ora l'iniziativa passa di nuovo alla Spal che all' 82' riesce a sfruttare una bella discesa di Lucchi che centra per Olivieri il quale è lesto a battere Sentimenti IV da pochi passi. Nulla di notevole accade sino al termine. Nella Lazio i migliori sono risultati Bredesen e Fuin, mentre nella Spal in particolare luce si sono messi i giovani Stefanini e Olivieri insieme ai collaudati Busnelli e Castoldi. Oculata e precisa la direzione di gara del sig. Marchetti.

  • Il campionato si ferma il 13 dicembre 1953 per impegni della squadra nazionale. La Lazio, in quel giorno, disputa una partita amichevole con il First Vienna e si impone per 3 a 1.






Torna ad inizio pagina