Domenica 7 dicembre 1941 - Roma, stadio del P.N.F. - Lazio-Modena 2-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

7 dicembre 1941 - 658 - Campionato Italiano di calcio Divisione Nazionale Serie A 1941/42 - VII giornata

LAZIO: Giubilo, Faotto, Monza (II), Fazio, Romagnoli (II), Ramella, Gualtieri, Pisa (I), Borici, Flamini, Puccinelli. All. Popovic.

MODENA: Monti, Manni, Braglia, Braga, Magotti, Bazzani, Capra, Malinverni, Del Grosso, Robotti, Ottino.

Arbitro: sig. Scotto di Savona - Guardalinee: sigg. Rossi e Cantini.

Marcatori: 22' pt Gualtieri, st 19' Del Grosso, 21' Puccinelli.

Note: giornata splendida. Terreno in buono stato.

Spettatori 7.000.

L'attacco a Pearl harbor
Il titolo de "Il Littoriale"

L'attacco di Pearl Harbor fu sferrato alle prime luci dell’alba del 7 dicembre dalle forze aeronavali giapponesi che attaccarono la flotta e le installazioni militari statunitensi stanziate nella base navale dell'isola di Oahu, nell’arcipelago delle Hawaii.

L'operazione fu attuata in assenza della dichiarazione di guerra da parte giapponese, che si riuscì a formalizzare soltanto ad attacco iniziato a causa di lungaggini e contrattempi nella decrittazione da parte dell'ambasciata nipponica (testo peraltro già intercettato e decodificato dal controspionaggio statunitense); ciò provocò l'ingresso nella seconda guerra mondiale degli Stati Uniti, dove si ingenerò nell'opinione pubblica un forte sentimento di riprovazione e di odio verso il Giappone.

L'attacco fu concepito e guidato dall'ammiraglio Isoroku Yamamoto, il quale al momento dell'attacco si trovava nella baia di Hiroshima a bordo della corazzata Nagato, con lo scopo di distruggere la flotta statunitense del Pacifico. L'operazione fu un successo tattico limitato, peraltro minato ulteriormente dal mancato affondamento delle portaerei Lexington ed Enterprise che al momento dell'attacco non erano in porto, della mancata distruzione dei depositi di carburante, dell’arsenale coi bacini di raddobbo e carenaggio e della base sommergibili; comunque, in poco più di un'ora, i 350 aerei partiti dalle portaerei giapponesi inflissero pesanti ma non decisivi danni alla flotta del Pacifico: una corazzata saltò in aria, una si capovolse, altre tre furono affondate; molte altre navi furono colpite ma i fondali bassi di Pearl Harbor consentirono di recuperare in breve tempo molte navi da guerra. I danni inflitti alla flotta statunitense permisero al Giappone di ottenere il controllo momentaneo sul Pacifico ed aprirono la strada alle successive vittorie nipponiche, prima che gli Stati Uniti riuscissero ad allestire una flotta in grado di tenere testa a quella giapponese.


La partita è stata tutt'altro che bella; Lazio e Modena si sono battute con impegno e buona volontà e hanno dato vita ad una gara animata, ma senza bel giuoco. Gli azzurri hanno attaccato in prevalenza, costringendo il Modena a difendersi; i laziali, peraltro, non sono riusciti a cogliere un successo più netto e convincente per la palese inconsistenza della prima linea, scesa in campo priva di Piola. Il Modena ha reagito con contrattacchi rapidi e decisi, costringendo le linee arretrate laziali a impegnarsi a fondo. I punti sono stati segnati, nel primo tempo, da Gualtieri, che realizzava al 22' con un tiro preciso; nella ripresa, il Modena pareggiava al 19' con Del Grosso. La Lazio si portava nuovamente in vantaggio dopo due minuti per merito di Puccinelli che risolveva una mischia creatasi davanti alla porta la modenese.

Fasi della gara