Il Ritiro 1951


Una veduta di Acquasparta (TR)

Stagione

Il ritiro estivo della Lazio si svolge ad Acquasparta, in provincia di Terni, ed inizia il 10 agosto 1951 per concludersi il 18 dello stesso mese. La preparazione poi proseguirà a Roma e prevede alcune partite amichevoli di cui due, già programmate, con il Chinotto Neri ed il Nizza. Nel quieto ritiro umbro di Acquasparta la Lazio ha portato i seguenti giocatori: Alzani, Antoniotti, Antonazzi, Bimbi, Coletta, Flamini, Foligna, Furiassi, Landucci, Magrini, Malacarne, Montanari, Nicoletti, Puccinelli, Sentimenti (III), Sentimenti (IV), Sukrü. Più tardi arrivano i nuovi acquisti Fuin e Macci. Aggregato, in prova, anche l'argentino Gonzales che in seguito sarà tesserato dalla neo-promossa Lucchese. Sono guidati dall'allenatore Bigogno che si avvale dell'opera del preparatore atletico Urbani e del massaggiatore Fiezzi. Guida la comitiva l'accompagnatore Marozzi. La comitiva alloggia all'Hotel Amerino. Bigogno fa svolgere soprattutto esercizi fisici e molta corsa lenta, alternata a scatti sui 50 metri e balzi sugli ostacoli. Il prof. Urbani ha introdotto la ginnastica isometrica che sviluppa la potenza muscolare. Il soggiorno ad Acquasparta fu molto proficuo e destò entusiasmo tra la popolazione. Ogni sera, al bar "Federico Cesi", si svolgono rinfreschi e cerimonie in onore dei biancocelesti. Al ritorno a Roma gli esercizi atletici calano di intensità e si implementa la fase tecnico-tattica con lunghe sessioni con il pallone e le tradizionali partitelle interne. In questa fase è presente anche Sentimenti (V) che non ha partecipato al ritiro umbro per assistere la madre ammalata. Il campionato avrà inizio il 9 settembre 1951.





Torna ad inizio pagina