Domenica 11 aprile 1976 - Cagliari, stadio Sant'Elia - Cagliari-Lazio 2-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

11 aprile 1976 - 1886 - Campionato di Serie A 1975/76 - XXV giornata

CAGLIARI: Buso, Lamagni, Longobucco, Graziani V., Valeri, Roffi, Viola, Leschio (59' Quagliozzi), Piras L., Butti, Virdis. (12 Grudina, 14 Marchesi). All. Tiddia.

LAZIO: F.Pulici, Ammoniaci, Martini, Wilson, Polentes, Badiani, Garlaschelli, Re Cecconi, Chinaglia, D'Amico, Lopez. (12 Moriggi, 13 Di Chiara, 14 Brignani). All. Maestrelli.

Arbitro: sig. Gussoni di Tradate.

Marcatori: 11' Piras L., 52' Wilson, 73' Virdis.

Note: giornata calda, terreno in ottime condizioni.

Spettatori: n.d.

La rete di Wilson
Dal Guerin Sportivo: fotocronaca della gara
(Gent.conc. Francesco Di Salvo)

La difficile situazione in classifica impone alla Lazio di fare risultato di fronte al Cagliari fanalino di coda. Per l'occasione Maestrelli schiera i migliori giocatori disponibili, sperando di portare a casa almeno un punto. La gara, invece, inizia subito in salita perché all'undicesimo minuto i sardi passano in vantaggio: un cross da destra è raccolto dalla parte opposta dell'area da Virdis che tira centrando l'incrocio dei pali e, nel rimbalzo, il più lesto è Piras che, a porta vuota, realizza malgrado un disperato tentativo d'intervento di Wilson e Polentes.

I biancazzurri cercano di raddrizzare l'incontro, ma devono aspettare il 52' per vedere coronati i propri sforzi. Da un cross dalla destra, Wilson realizza a pochi metri dalla porta rossoblù perché la palla passa tra le maglie della difesa sarda, mentre né Valeri né Virdis possono intervenire. La partita a questo punto si accende e quando la Lazio pensa di poter portare a casa almeno il pareggio, arriva la seconda rete del Cagliari grazie a Virdis che di testa svetta più in alto anticipando sia Polentes sia Ammoniaci ed insaccando alla destra di Pulici.

La sconfitta maturata in terra sarda riporta la Lazio al terz'ultimo posto in coabitazione con Sampdoria ed Ascoli e la situazione in classifica si fa sempre più complicata.