Domenica 12 marzo 1950 - Roma, Stadio Nazionale - Lazio-Sampdoria 1-0


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

12 febbraio 1950 - Campionato Italiano di calcio Divisione Nazionale Serie A 1949/50 - XXVIII giornata

LAZIO: De Fazio, Antonazzi, Remondini, Furiassi, Alzani, Sentimenti (III), Arce, Magrini, Hofling, Flamini, Puccinelli. All. Sperone.

SAMPDORIA: Bonetti, Gratton, Bertani, Arrighini, Coscia, Mannocci, Lucentini, Gei, Rebuzzi, Lorenzo, Sabbatella. All. Baloncieri.

Arbitro: sig. Liverani di Torino.

Marcatori: pt 38' Arce.

Note: spettatori 18000. Giornata primaverile limpida e ventilata, terreno secco.


Delusa l'aspettativa di bel gioco, le due squadre hanno dato vita ad una partita svogliata ed insipida. Anche se molto rimaneggiate le due compagini hanno esagerato nel praticare un calcio inguardabile e non degno del loro lignaggio. E' vero pure che la classifica è ottima per ambedue le società e pertanto non hanno dato il massimo, anche in considerazione di una temperatura piuttosto elevata. L'attacco laziale è forte, ma la difesa doriana oggi ha mostrato una resistenza tenace e coraggiosa, soprattutto in Gratton e Bertani. Al tempo stesso la difesa biancoceleste è stata impegnata allo spasimo dall'attacco ligure e non ha potuto dare il solito contributo al centrocampo il quale, a sua volta, non ha rifornito gli avanti. La Lazio ha schierato in porta il giovane De Fazio che ha sostituito degnamente Sentimenti (IV) infortunato ad un pollice. La Sampdoria ha avuto in Lucentini un elemento aggressivo e lucido che ha incantato pubblico e critica. Ottimi anche Gratton e Bertani. La partita si è risolta al 38' con un guizzo felino di Arce che si è catapultato su un cross di Flamini, è inciampato sul pallone, ma ha avuto la prontezza di precedere Bonetti e tirare da posizione difficile. Da segnalare che precedentemente, al 22', un formidabile tiro di Gei era stato deviato magnificamente da De Fazio che poco dopo parava anche un colpo di testa di Rebuzzi. Al 37' il guardiano laziale usciva con perfetta scelta di tempo su Lorenzo lanciato a rete. Nella ripresa, al 10', un bel tiro di Flamini ha colpito il palo a portiere battuto e ciò ha giustificato il risultato. Infine al 44' un tiro di Magrini da lontano è stato neutralizzato da Bonetti.



Torna ad inizio pagina