Domenica 13 giugno 1948 - Alessandria, stadio Moccagatta - Alessandria-Lazio 2-2


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

13 giugno 1948 - Campionato Italiano di calcio Divisione Nazionale Serie A 1947/48 - XXXIX giornata

ALESSANDRIA: Giorgelli, Ottonello, Di Gennaro, Gallea, Rosetta, Tortarolo, Armano, Soffrido, Stradella, Coscia, Frugali.

LAZIO: Giubilo, Antonazzi, Piacentini, Alzani, Rosi, Brunetti, Puccinelli, Magrini, Penzo (I), Flamini, De Andreis.

Arbitro: sig. Longagnani di Modena.

Marcatori: pt 20' De Andreis, 26' Stradella, st 18' Coscia, 24' De Andreis.

Note: spettatori 2.000. Cielo semicoperto. Calci d'angolo 4 a 2 a favore dell'Alessandria.

L'Alessandria ci teneva molto a concludere la stagione casalinga con una vittoria, ma un po' la scarsa vena di alcuni giocatori e poi la decisa prestazione della Lazio, hanno deluso le aspettative di squadra e tifosi. L'incontro è cominciato con ritmi elevati; già al 2' Flamini aveva sprecato un'ottima occasione e al 10' Armano aveva sparato su Giubilo un eccellente pallone. Al 14' Rosetta salvava sulla linea di porta un tiro di De Andreis. Al 20' la Lazio andava in vantaggio: su punizione battuta da Alzani, interveniva De Andreis che spediva in fondo al sacco. Il pareggio dei grigi scaturiva sugli sviluppi di una punizione eseguita da Gallea; Giubilo sbagliava il tempo dell'uscita e Stradella lo puniva. Più nulla da segnalare fino al 10' della ripresa quando si dipanava la più bella azione della partita: Gallea-Soffrido-Coscia-Stradella. Quest'ultimo concludeva fuori di pochissimo. Il netto predominio dei piemontesi si concretizzava con il goal di Coscia realizzato al 18'. A quel punto la vittoria sembrava acquisita. Al 20' Soffrido sfiorava la traversa con un tiro violento e poco dopo l'arbitro non vedeva uno sgambetto in area laziale ai danni di Frugali. Invece al 24' l'arbitro sanzionava un fallo leggero su un laziale. Ancora una volta Alzani pescava De Andreis libero e l'ala, con un bel colpo di testa, batteva l'ottimo Giorcelli. Nulla più da segnalare fino al termine.