Domenica 6 giugno 1948 - Roma, stadio Nazionale - Lazio-Vicenza 2-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

6 giugno 1948 - Campionato Italiano di calcio Divisione Nazionale Serie A 1947/48 - XXXVIII giornata

LAZIO: Giubilo, Remondini, Piacentini, Alzani, Gualtieri, Brunetti, Puccinelli, Magrini, Penzo (I), Flamini, De Andreis.

VICENZA: Fioravanti, Parena, Grosso, De Boni, Gozzi, Sandroni, Zambelli, Spavanello, Sperotto, Carraro, Rebuzzi.

Arbitro: sig. Matucci di Seregno.

Marcatori: pt 27' Rebuzzi, 32' Magrini, st 33' Penzo (I).

Note: spettatori 6.000. Giornata di sole molto calda. Calci d'angolo 5 a 4 a favore della Lazio.

Mediocre partita della Lazio, buona prova del Vicenza. Il fatto è che la Lazio è in una posizione di classifica centrale e non ha più motivazioni e poi ha patito la precaria condizione fisica del rientrante Gualtieri, vero faro e motore della squadra romana. Il Vicenza invece si è impegnato a fondo, deciso a fare bella figura davanti ad una platea importante come quella romana. Con il suo movimento continuo e la velocità ha scompaginato lo schieramento laziale, che ha impiegato molto tempo a trovare le contromisure. Ma allora perché il Vicenza ha perso ? La giornata negativa di Fioravanti è la risposta. Il portiere biancorosso si è fatto cogliere impreparato su due tiri senza pretese di Magrini e di Penzo al 32' del pt e al 33' della ripresa. Inoltre bisogna dare atto alla difesa laziale di essere divenuta progressivamente fortissima, con uomini di grande esperienza, rocciosi e coesi. Nel Vicenza i migliori sono stati Sandroni, Carraro, Grosso e Rebuzzi.