Domenica 13 novembre 1927 - Napoli, campo Arenaccia - Napoli-Lazio 0-0


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

13 novembre 1927 - 205. Campionato della Divisione Nazionale 1927/28 girone A - VI giornata

NAPOLI: Pelvi, Pirandello, Innocenti I, Zoccola, Ghisi (I), Innocenti II, Cassese, Sallustro, Costa, Ghisi I, Tosini

LAZIO: Sclavi, Canestri, Bottacini, Paganini, Nesi, Berti (II), Ottier, Bodrato, Sanero, Lamon (I), Fenili - All. Sedlaceck

Arbitro: sig. Dani di Genova

Note:

La formazione laziale: Sclavi, Canestri, Berti II, Nesi, Lamon, Bodrato, Paganini, Fenili, Sanero, Ottier, Bottacini
Bottacini alle prese con il pericoloso Ghisi (I) del Napoli
La formazione laziale: Sclavi, Canestri, Berti II, Nesi, Lamon, Bodrato, Paganini, Fenili, Sanero, Ottier, Bottacini, Sedlaceck (all.)

Sulla Gazzetta dello Sport: Ancora una volta la folla accorsa all’Arenaccia per dare il suo incitamento ha lasciato il campo amaramente delusa. La ragione principale del risultato odierno va ascritta nella mancanza di un sistema di gioco ed alla deficiente esibizione dei centri tra prima e seconda linea. Il Napoli ha prodotto un gioco arruffone e sconclusionato, privo di accenni tecnici che ha facilitato il lavoro della difesa laziale ed ha avuto in Pelvi un felino difensore del goal. La Lazio ha giocato una bella partita e nessun atleta biancoceleste ha demeritato. Il Napoli è partito all’attacco, ma ha impegnato Sclavi solo due volte con Sallustro e Cassese, poi è la Lazio ad impegnare Pelvi con Lamon e Sanero e a mettere i partenopei in grande difficoltà soprattutto negli ultimi dieci minuti dell’incontro.