Domenica 30 ottobre 1927 - Roma, stadio Nazionale - Lazio-Brescia 2-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

30 ottobre 1927 - 204. Campionato della Divisione Nazionale 1927/28 girone A - V giornata

LAZIO: Sclavi, Canestri, Bottacini, Paganini, Nesi, Berti (II), Ottier, Bodrato, Sanero, Lamon (I), Fenili - All. Sedlaceck

BRESCIA: Trivellini, Negri, Gadaldi, Frisoni II, Scaltriti, Belardi, Rizzi, Giuliani, Frisoni I, Prosperi, Barbieri.

Arbitro: sig. Gama di Milano

Marcatori: 37' Frisoni I 44' Sanero II 52' Sanero II

Note:

Sulla Gazzetta dello Sport: Il primo successo della Lazio in questo campionato deve essere rilevato con speciale compiacimento perché consacra la resurrezione di una squadra che è stata finora davvero bersagliata dalla sfortuna e non è trascurare il fatto che oggi mancavano Cevenini (V) e Pardini e che Ottier è stato quasi nullo, e che anche Lamon e Bodrato hanno palesato vari indugi; per la verità anche al Brescia mancavano Vallati e Pasolini. Con tutto ciò oggi la prima linea si è mostrata assai insidiosa, ma la forza odierna è scaturita dalla seconda linea, anche se non è stata mai precisa e tecnica, ma Berti si è rivelato inesauribile e Paganini bravo. Per la cronaca passa in vantaggio il Brescia che segna con Frisoni I a porta vuota; la Lazio ha una reazione immediata e pareggia dopo un minuto ma l’arbitro annulla il goal di Sanero per fuorigioco. La Lazio insiste e ottiene il pareggio all’ultimo minuto del primo tempo sempre con Sanero. Nella ripresa dominio laziale che si assicura la vittoria al 52’ con un passaggio di Fenili e rete ancora di Sanero. Poi domina ancora la Lazio ma produce soltanto quattro corner infruttuosi. All' 85’ Gama espelle Scaltriti per atti di grave indisciplina.