Domenica 20 settembre 1959 - Bologna, stadio Comunale - Bologna-Lazio 1-1


Stagione

Turno successivo

20 settembre 1959 - Campionato Italiano di calcio Divisione Nazionale Serie A 1959/60 - I giornata

BOLOGNA: Giorcelli, Rota, Pavinato, Mialich, Greco, Fogli, Pascutti, De Marco, Pivatelli, Campana, Fascetti. All. Allasio.

LAZIO: Cei, Lo Buono, Eufemi, Carosi, Janich, Prini, Fumagalli, Mariani, Tozzi (Humberto), Franzini, Bizzarri. All. Bernardini.

Arbitro: sig. Campanati di Milano.

Marcatori: 5' Campana, 41' Mialich (aut).

Note: giornata serena e calda; terreno in ottime condizioni. Espulso al 30' della ripresa Eufemi per fallo su Fascetti. Esordio in serie A per De Marco. Calci d'angolo: 7-3 in favore della Lazio.

Spettatori: 15.000.

Il biglietto della gara
Bola1.jpg
Tozzi tocca e costringe Mialich a provocare l'autorete
Coraggiosa uscita di Cei sui piedi di Pascutti

Buon esordio in Campionato per la Lazio che si prende un punto sul difficile campo del Bologna. I rossoblu, battuti a Roma durante il precampionato per 3-1, partono di slancio e dopo appena cinque minuti vanno a rete. Azione ben congegnata del debuttante De Marco che duetta con il laterale Fogli, il quale serve in area Campana che con un astuto colpo di coscia batte Cei un po' sorpreso dal tocco della mezz'ala. I padroni di casa insistono nel cercare il raddoppio, ma i biancocelesti tengono duro soprattutto in difesa dove un Eufemi attento e vigoroso spazza la sua area con grande mestiere. Al 26' Pascutti riesce a superare Cei e lo stesso Eufemi si supera con un intervento volante che toglie il pallone quando questo sta varcando la linea fatale. La Lazio si scuote e comincia a crescere minuto dopo minuto. Al 41' giunge così il pareggio. Franzini calcia una punizione dalla tre quarti: Mariani raccoglie e lesto serve Tozzi che con un tiro dolce e arcuato supera Giorcelli. Mialich intervenuto a contrastare il brasiliano tocca un poco il pallone che termina in fondo alla rete. Nella ripresa, seppure i padroni di casa mantengano un predominio territoriale, è la Lazio a mostrare compattezza e l'idea di gioco migliore. Solo al 62' i romani corrono un grosso pericolo, ma Cei è bravissimo nel respingere un'autentica cannonata di Pivatelli. A un quarto d'ora dalla fine un intervento duro, ma non eclatante, di Eufemi su Fascetti costa il cartellino rosso al difensore. I biancocelesti stringono i denti e resistono sino al novantesimo conquistando un meritatissimo pareggio. Tra i migliori: i due interni Mariani e Franzini e Bizzarri, instancabile e generoso in ogni parte del campo.