Domenica 26 novembre 1961 - Roma, stadio Flaminio - Lazio-Bari 5-0


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

26 novembre 1961 - Campionato di Serie B 1961/62 - XI giornata - inizio ore 14.30

LAZIO: Cei, Zanetti, Eufemi, Noletti, Seghedoni, Gasperi, Longoni, Morrone, Gratton Landoni Bizzarri. All. Todeschini.

BARI: Bandoni, Baccari, Romano, Macchi, Magnaghi, Carrano, Sacchella, Catalano, Bonacchi, Mazzoni, Sardei. All. Allasio.

Arbitro: sig. Campanati di Milano.

Marcatori: 27' Longoni (rig), 31' Morrone, 48' Longoni (rig), 50' Bizzarri, 86' Bizzarri.

Note: pioggia battente per quasi tutto l'incontro; terreno in pietose condizioni. Espulso al 26' del primo tempo Baccari per contegno scorretto nei confronti dell'arbitro. Esordio nella Lazio di Gratton. Calci d'angolo: 8-6 (4-1) in favore del Bari.

Spettatori: 14.000 con 8.400 paganti per un incasso di £.6.500.000.

La campagna acquisti novembrina porta a sorpresa alla Lazio Guido Gratton che al martedì giunge a Roma mettendosi subito a disposizione di Todeschini. La mezz'ala, ex Fiorentina e Napoli, proviene da un'annata trascorsa all'Internazionale senza aver mai giocato. La stampa e i tifosi storcono la bocca sull'efficienza del giocatore non dimenticando comunque le sue note capacità tecniche. Nell'allenamento alla Stella Polare di Ostia Gratton mostra di essere in discrete condizioni, trovando subito un'ottima intesa con Morrone. Sempre da Milano, ma sponda rossonera, torna dopo un anno Paolo Ferrario. La partita si disputata in condizioni pessime per la pioggia continua e un campo più adatto alla pallanuoto che non al calcio. Al 23', dopo che l'incontro non ha offerto nulla di rimarchevole, se non due conclusioni di Bizzarri e Morrone, accade un fatto decisivo. Zanetti calcia una punizione arcuata verso l'area pugliese: Bandoni respinge di pugno e Macchi interviene duro su Morrone pronto a calciare a rete. Campanati indica il dischetto scatenando un putiferio tra i biancorossi. Baccari, nella foga, travolge il fischietto milanese che tira fuori subito il cartellino rosso. Bari in dieci e Longoni che trasforma con un piatto preciso al 27'. Poco dopo giunge il raddoppio. Rapida azione di Bizzarri che pesca Morrone che entra in area e fulmina Bandoni con un tiro secco. Durante il recupero altro rigore per i romani. L'irresistibile Bizzarri viene falciato da Magnaghi e Longoni non sbaglia dagli undici metri. A inizio ripresa quarta realizzazione. Cei rimette in gioco il pallone che viene raccolto dopo un rimbalzo irregolare da Bizzarri che beffa in dribbling un difensore e il portiere e mette dentro tra il tripudio dei suoi sostenitori. L'ala va a rete ancora a quattro minuti dal termine. E' l'ex compagno della Fiorentina Gratton, autore di un'ottima prestazione, a donargli un grande pallone che viene recapitato in porta eludendo il disperato tentativo di Bandoni. Il portiere che malgrado il passivo risulta il migliore dei suoi, evita con due grandi interventi finali, su Bizzarri e Gratton, che l'incontro finisca con un punteggio tennistico.


Torna ad inizio pagina