Domenica 4 ottobre 1970 - Roma, stadio Olimpico - Lazio-Cagliari 2-4


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

4 ottobre 1970 - 1656 - Campionato di Serie A 1970/71 - II giornata - calcio d'inizio ore 15.00

LAZIO: Sulfaro, Facco, Legnaro, Governato, Wilson, Marchesi, Massa, Mazzola (II), Chinaglia, Dolso (46' Morrone), Fortunato. A disp. Di Vincenzo. All. Lorenzo.

CAGLIARI: Albertosi, Martiradonna, Mancin, Cera, Niccolai (58' Poli), Nené, Domenghini, Brugnera, Gori, Greatti, Riva. A disp. Reginato. All. Scopigno.

Arbitro: Angonese (Mestre).

Marcatori: 1' Domenghini, 23' Riva, 28' Legnaro, 61' Domenghini, 72' Chinaglia, 79' Gori.

Note: cielo sereno, terreno in perfette condizioni. Ammonito Cera. Presenti in tribuna d'onore il presidente della Federcalcio Artemio Franchi e il Commissario Tecnico azzurro Ferruccio Valcareggi. Calci d'angolo: 9-4 (3-4) a favore della Lazio.

Spettatori: 70.000 circa di cui 45.520 paganti per un incasso di £.87.634.000 (abbonati 14.000 circa).

Il primo impegno casalingo è di quelli quasi proibitivi: infatti scende all'Olimpico il Cagliari Campione d'Italia. Lorenzo schiera la migliore formazione ma già al 1' minuto i sardi vanno in rete con un assolo di Domenghini che infila Sulfaro sotto l'incrocio dei pali. La Lazio prova a reagire, ma lo fa disordinatamente ed al 23' su cross dalla destra di Gori, Riva lasciato libero in area, può facilmente raddoppiare di testa.

I biancazzurri hanno uno scatto d'orgoglio e accorciano le distanze con Legnaro che segna con un bellissimo pallonetto a giro su cui nulla può Albertosi. La Lazio si porta in avanti, ma non riesce a concludere a rete quasi mai. Il secondo tempo si apre con i sardi che attaccano e la Lazio chiusa in difesa. In una delle poche azioni in avanti dei biancocelesti, i rossoblù scattano in contropiede e Domenghini, dopo aver dribblato un paio di difensori, segna alla destra dell'incolpevole Sulfaro. Sembra finita ma Chinaglia, al 72', riesce ancora una volta ad accorciare le distanze.

La rimonta sembra possibile ma ci pensa Gori a chiudere la partita, pochi minuti dopo, con una girata in area che fa secco Wilson portando il risultato sul 2-4 per il Cagliari. Negli spogliatoi Lorenzo attacca pesantemente il presidente Lenzini reo di aver fatto una campagna trasferimenti al risparmio. L'esternazione dell'allenatore provoca malumore fra i tifosi e contestazioni al presidente.




Torna ad inizio pagina