Domenica 5 aprile 1987 - Bari, stadio Comunale – Bari-Lazio 1-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

5 aprile 1987 - 2316 - Campionato di Serie B 1986/87 - 27ª giornata

BARI: Imparato, Carrera, Guastella, Laureri, Roselli, F.Ferri, Bergossi (30' Bivi), Giusto, Rideout, Cowans, Brondi (79' Cuccovillo). A disp. Roca, Terracenere, Armenise. All. Catuzzi.

LAZIO: Terraneo, Podavini, Filisetti, Acerbis, Gregucci, Marino, Camolese, Magnocavallo, Fiorini, Pin, Mandelli (71' Caso). A disp. Ielpo, Brunetti, Piscedda, Rizzolo. All. Fascetti.

Arbitro: Sig. Cornieti di Forlì.

Marcatori: 37' Podavini (aut), 52' Magnocavallo.

Note: cielo sereno, terreno in buone condizioni. Ammoniti per proteste Brondi, Fiorini e Acerbis. Angoli 4-3 per il Bari.

Spettatori: 20.000 circa.

Ci si attendeva molto di più da questa partita tra due squadre che per motivi diversi si trovano nella zona medio bassa della classifica. Ma se la Lazio continua ad avere, come valida giustificazione, il noto handicap del 9 punti, il Bari non può vantare alcuna attenuante. Dopo gli ultimi risultati positivi in trasferta che avevano rilanciato le quotazioni della squadra barese, allo stadio della Vittoria, si è assistito ad una gara scialba, povera di contenuti tecnici. Il primo tempo fa registrare una supremazia del Bari, che riesce a passare in vantaggio al 37' grazie a un'autorete laziale: c'è un fallo su Brandi dà parte di Podavini a circa due-tre metri dal limite dell'area, la punizione viene toccata da Brondi a Giusto e successivamente a Roselli che effettua un tiro fortissimo. La palla batte sulla spalla destra di Podavini schierato in barriera ed ingannando irrimediabilmente Terraneo si insacca in rete. Nel secondo tèmpo quanto Fascetti ordina ai suoi di andare avanti con raziocinio, certamente, ma anche con insistenza, per il Bari non c'è niente da fare. Tuttavia, segnato il gol del pareggio al 52' (pregevole azione sulla destra da parte di Fiorini, cross lungo per Magnocavallo che mette in rete, con la difesa del Bari completamente ferma), la Lazio non approfitta del notevole calo fisico del Bari.

Fonte: La Stampa