Il Calciomercato 1970


Stagione


Un articolo di giornale
Un articolo di giornale

Il calciomercato dell'estate 1970 lascia l'amaro in bocca sia ai tifosi sia all'allenatore Lorenzo. E' Chinaglia il calciatore più ricercato dei biancazzurri. L'exploit del giovane attaccante non è passato inosservato alle grandi squadre che arrivano a proporre fino a 700 milioni per il cartellino del giocatore.

Le due milanesi e le due torinesi ci provano, ma Lenzini rifiuta ogni offerta. Viene ceduto Ghio al Napoli in cambio di Manservisi e 80 milioni. La trattativa scatena le ire di Lorenzo che bolla Manservisi come bidone. L'allenatore argentino mette il veto sulla cessione del portiere Michelangelo Sulfaro, facendo saltare l'acquisto del promettente estremo difensore granata Luciano Castellini.

Il segretario Carlo Galli riscatta Franco Nanni dalla Juventus e prende il mediano Andreuzza dal Genoa. Arrivano anche il portiere Moriggi, il terzino Legnaro, e il mediano Chinellato. Dall'Anconitana arriva il giovane Masuzzo. Oltre a Ghio, partono Gioia al Mantova e Chiossi che si accasa al Parma. Inoltre viene mandato a farsi le ossa in prestito alla Massese il giovanissimo stopper romano Giancarlo Oddi.