Martedì 26 dicembre 1961 - Catanzaro, stadio Militare - Catanzaro-Lazio 1-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

26 dicembre 1961 - Campionato di Serie B 1961/62 - XV giornata - inizio ore 14.30

CATANZARO: Bertossi, Errichiello, Raise, Frontali, Bigagnoli, Guglielmone, Rambone, Florio, Mascalaito, Maccacaro, Bagnoli. All. Arcari.

LAZIO: Cei, Zanetti, Eufemi, Noletti, Seghedoni, Gasperi, Mecozzi, Landoni, Ferrario, Morrone, Longoni. All. Todeschini.

Arbitro: sig. Angonese di Mestre.

Marcatori: 47' Seghedoni (aut), 87' Longoni.

Note: bella giornata, terreno sdrucciolevole. Prima dell'inizio ogni giocatore catanzarese ha offerto un dono natalizio al rispettivo avversario. E' stato osservato un minuto di raccoglimento in memoria delle vittime della sciagura ferroviaria del 23 dicembre accaduta sul viadotto Fiumarella alle porte di Catanzaro. Calci d'angolo: 8-6 (4-4) in favore della Lazio.

Spettatori: 10.000 circa con un incasso di £. 8.000.000.

Il titolo del Corriere dello Sport

Seconda trasferta consecutiva al Sud per la Lazio che dopo i due punti a Messina ne conquista uno a Catanzaro. Padroni di casa reduci dall'ottimo pareggio conquistato a Genova; in campo, seppur febbricitante, gioca Rambone. Nel primo tempo le squadre si fronteggiano soprattutto a metà campo e gli attaccanti non riescono a farsi mai valere. Tutto sembra cambiare con la seconda frazione di gioco. Al 47' una sfortunata autorete di Seghedoni porta in vantaggio i calabresi. Rambone calcia un angolo con molto effetto e Cei respinge con i pugni: il pallone incoccia il volto del numero cinque biancoceleste e termina beffardamente in rete. La Lazio reagisce con veemenza e in campo detta legge. Mecozzi è inesauribile nella spinta e in avanti la coppia Morrone - Ferrario mette alla frusta i difensori di casa. Malgrado il dominio territoriale la Lazio non riesce a sfondare. Negli ultimi minuti succede di tutto. Ferrario da posizione ravvicinata spara addosso a Bertossi che si salva con un ginocchio. A tre dal termine arriva il pareggio. Un cross di Mecozzi viene respinto corto dal portiere giallorosso e Longoni dall'altezza del dischetto mette dentro. Al 90' potrebbe arrivare anche la vittoria, ma Ferrario dopo uno slalom in area vede la sua conclusione respinta dal palo. Sarebbe stato il goal di un successo meritato al termine di una prova di grande carattere.