Mercoledì 21 marzo 1973 - Roma, Stadio Olimpico - Lazio-Manchester United 0-0


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

1765. Torneo Anglo-Italiano 1973 - II giornata

LAZIO: Pulici, Facco (46' La Rosa), Petrelli (44' Manservisi), Wilson, Oddi, Nanni, Garlaschelli, Martini, Chinaglia, Frustalupi, Moschino. A disp. 12 Moriggi. All. Maestrelli.

MANCHESTER UNITED: Rimmer, Young, James, Graham, Holton, Buchan, Morgan, Kidd (49' Fletcher), Charlton, Macari (79' Anderson), Martin. A disp. 12 Mc Donagh, 14 Forsyth, 16 Jones. All. Docherty.

Arbitro: sig. Hill (Leicester).

Spettatori: 30.000, paganti 22.834 per un incasso di £. 38.838.400.

Note: serata mite, terreno in buone condizioni. Ammoniti Oddi e Frustalupi per gioco scorretto. Infortuni: Facco (frattura della mandibola), Petrelli (contrattura muscolare), Garlaschelli (striamento muscolare), Macari (contusione caviglia destra), l’arbitro Hill (frattura dito medio della mano sinistra).

Era iniziata con fiori ed abbracci tra i capitani Wilson e Charlton. E’ finita in rissa. Tutta colpa di Kidd, che al 15’ ha sferrato una gomitata a Facco. L’avvio è promettente con una Lazio spigliata: Chinaglia è ben assistito da Moschino e Frustalupi. Al 14’ Macari approfitta di uno svarione di Wilson, si presenta solo davanti a Pulici che respinge con i piedi. Lo spostamento di Nanni all’ala sinistra e l’inedito centrocampo composto da Moschino a destra e Frustalupi a sinistra, colma bene l’assenza di Re Cecconi. Moschino supera sempre uno spento Charlton, che si fa vedere soltanto con due sortite in avanti, concluse con due tiri innocui dalla lunga distanza. Al 20’ brivido a causa di una incursione di Holton, che raccoglieva un calcio piazzato di Morgan, calciando però in curva nord. La Lazio attaccava senza criterio e offriva il fianco ai contropiede di Macari e Kidd, ma riusciva lo stesso a rendersi pericolosa con Nanni che però toccava troppo forte il pallone. Al 30’ da Chinaglia a Garlaschelli che appoggia a Frustalupi, appoggio lungo per Chinaglia il cui diagonale usciva a fil di palo. La Lazio teneva in scacco il Manchester, si rivedeva il Chinaglia dei tempi belli e Garlaschelli faceva venire il mal di testa al suo marcatore James. Dopo l’intervallo si scatenava il caos. La notizia della gravità dell’infortunio di Facco (frattura della mandibola, almeno un mese di stop) scatenava una vera e propria caccia all’uomo. Manservisi colpiva con un pugno Macari. Lo stesso Macari veniva colpito poco dopo da un altro pugno, questa volta di Frustalupi. Wilson ed Oddi entravano duro sugli avversari. Il baffuto arbitro Hill di Leicester, fischiato dal pubblico, faticava a mantenere il controllo della gara: nel tentativo di sedare una delle tante risse, riportava la frattura del dito medio della mano sinistra. Ricorreva alle cure del dottor Ziaco per 5 minuti, che saggiamente non faceva recuperare. Saltava anche il previsto scambio di maglie finale. La Lazio, dopo aver addirittura pensato di ritirarsi dal torneo, decideva di affrontare la successiva trasferta con il Crystal Palace con una formazione rimaneggiata. Pesanti gli infortuni di Facco, Petrelli e Garlaschelli in forte dubbio per la partita di campionato contro l’Atalanta

Scrive La Stampa:

Mischie, pugni, colpi proibiti hanno caratterizzato la partita fra Lazio e Manchester United valida per il secondo turno del torneo anglo-italiano. Nel tentativo di sedare una delle numerose risse, anche l'arbitro inglese Hill, al 51', è rimasto ferito al braccio sinistro. Il direttore di gara ha continuato ad arbitrare in evidenti condizioni menomate. Fra i giocatori Facco ha riportato la sospetta frattura dello zigomo sinistro e Petrelli uno stiramento alla coscia. Anche Garlaschelli ha riportato un grave infortunio al ginocchio. Lo spettacolo offerto dal protagonisti in campo è stato semplicemente vergognoso. Sarebbe assurdo parlare di gioco in una partita caotica, brutta, che a tratti ha rasentato il ridicolo; il risultato di zero a zero ha punito entrambe le squadre.