Domenica 10 settembre 1961 - Roma, stadio Flaminio - Lazio-Lucchese 1-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

10 settembre 1961 - Campionato di Serie B 1961/62 - II giornata - inizio ore 16.00

LAZIO: Cei, Zanetti, Noletti, Carosi, Seghedoni, Gasperi, Bizzarri, Morrone, Pinti, Mecozzi, Longoni. All. Todeschini.

LUCCHESE: Piancastelli, Fiaschi, Cappellino, Sicurani, Pedretti, Francescon, Ghiadoni, Gratton E., Mannucci, Bassetto, Arrigoni. All. Zavatti.

Arbitro: Sig. Varazzani di Parma.

Marcatori: 20' Pinti, 54' Francescon.

Note: giornata fresca, terreno in buone condizioni. Carosi dopo un contrasto con Mannucci si procura una brutta ferita alla lingua saturata con alcuni punti. Forte contusione allo zigomo per Ghiadoni dopo uno scontro con Carosi; il giocatore, per lo stato commotivo, abbandona il campo al 66'.

Spettatori: 22.000 circa con 15.000 paganti per un incasso di £.11.000.000.

Lazio ancora incompleta con Landoni e Rozzoni entrambi ricoverati a Villa Mafalda, il primo per intossicazione, il secondo per dolori alla schiena. Out anche Eufemi, uscito malconcio dalla dura trasferta di Cosenza. La Lucchese è squadra quadrata con giocatori di grande esperienza come Bassetto, Mannucci, Arrigoni, Piancastelli e Todeschini mette sul chi va là i suoi giocatori. Come nelle precedenti uscite casalinghe, l'inizio dei biancocelesti è frenetico. Già al 2' una secca conclusione di Pinti incoccia il montante dei toscani. Al 10' Piancastelli si salva due volte di seguito da un'incursione della coppia Mecozzi - Pinti. L'undici romano gira a meraviglia sospinto dalla verve di Gasperi e Mecozzi e al 20' sblocca il risultato. Punizione battuta con astuzia da Longoni che serve in profondità Pinti, il quale s'inserisce a meraviglia e con un diagonale fulmina in rete. La Lazio insiste e Pinti non riesce per un soffio a correggere in rete uno stupendo servizio di Gasperi . Poco più tardi infortunio per Carosi dopo uno scontro con Mannucci: per il tiburtino dolorosa ferita alla lingua. Anche Seghedoni si fa male a un braccio e gli ospiti approfittano dei problemi fisici dei romani. Nell'ultimo quarto d'ora il pallino è nelle mani dei toscani. Bassetto dimostra che malgrado gli anni la classe è ancora cristallina e colpisce due legni su punizione. Nella ripresa la Lazio diminuisce nettamente il numero di giri. In avanti Morrone e Bizzarri combinano poco e Pinti vuol fare tutto da solo. Il centrocampo biancoceleste continua a lavorare sodo, ma al 54', su contropiede, Francescon sfrutta un servizio di Sicurani e insacca a fil di palo. Al 65' gli ospiti potrebbero passare in vantaggio, ma Bassetto ancora una volta colpisce un palo su punizione. Un minuto dopo grave incidente per Ghiadoni che stordito per un duro colpo allo zigomo deve abbandonare la contesa. La Lazio sfrutta la superiorità numerica e si getta all'assalto. Pinti si divora un goal già fatto e quindi Bizzarri prima e Longoni dopo vanno vicinissimi alla segnatura. A sei dal termine è però la Lucchese a sfiorare il colpo grosso. Gratton si ritrova solo soletto di fronte a Cei che esce a valanga: il tiro della mezz'ala si perde sul fondo. Finisce con un pareggio che non soddisfa l'ambiente biancoceleste.