Domenica 11 dicembre 1949 - Roma, Stadio Nazionale - Lazio-Fiorentina 1-1


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

11 dicembre 1949 - Campionato Italiano di calcio Divisione Nazionale Serie A 1949/50 - XV giornata

LAZIO: Sentimenti (IV), Antonazzi, Furiassi, Alzani, Remondini, Montanari, Puccinelli, Magrini, Hofling, Sentimenti (III), Nyers (II). All. Sperone.

FIORENTINA: Costagliola, Eliani, Cervato, Meucci, Rosetta, Magli, Nagy, Pandolfini, Galassi, Sperotto, Giusti. All. Ferrero.

Arbitro: sig. Gamba di Napoli.

Marcatori: pt 34' Remondini, st 19' Galassi.

Note: pioggia fitta, terreno acquitrinoso e pesante. Il sole è comparso alla fine del pt. Calci d'angolo 5-1 a favore della Lazio. Molta cavalleria in campo. Presenti in tribuna l'on. Andreotti e il Presidente del CONI Giulio Onesti.

spettatori: 12.000.

Una parata di Costagliola
Duello tra Sentimenti (III) e Meucci

Nonostante la pioggia violenta e il terreno ridotto a pantano, le due squadre hanno dato vita ad una partita vivacissima ed emozionante che fa onore alle due compagini. Persino il gioco è stato brillante e tecnico e c'è solo il rimpianto di non aver assistito ad una partita su un campo almeno discreto. Il pallone, infatti, ha giocato scherzi diabolici ed ha spesso tradito le intenzioni dei giocatori. Il risultato è stato quello più giusto, anche se la Lazio ha fatto denotare una certa prevalenza territoriale. I due goal hanno avuto entrambi dello spettacolare e del fortunoso. Spettacolare per la bellezza assoluta dei tiri, fortunoso per l'immobilità di entrambi i portieri, sorpresi dai tiri. Anche le occasioni da rete si sono equivalse, anche se la Lazio recrimina per quella fallita incredibilmente da Nyers (II) a qualche istante dal termine. Il pt ha visto la Lazio stabilmente in fase offensiva, ma non ha concretizzato tale superiorità soprattutto per merito della forte difesa viola, imperniata su un sontuoso Eliani, dai tenaci Rosetta e Meucci e da un mobilissimo Magli che ha raccordato i reparti. Il goal laziale è stato messo a segno al 34' da Remondi, con una punizione battuta da oltre 30 metri. Il pallone ha viaggiato veloce e si è insaccato all'incrocio dei pali, ma l'immobilità assoluta di Costagliola ha lasciato perplessi tutti. Nella ripresa la Fiorentina è stata più intraprendente ed ha messo sotto pressione la difesa romana, a cui Antonazzi non ha fornito il solito apporto perché molto a disagio con il terreno sdrucciolevole. Al 19' Galassi se ne è andato tutto solo sulla sinistra e dal fondo ha tirato; Sentimenti (IV) non si è nemmeno gettato e il pallone, beffardamente, è passato tra il portiere e il primo palo. Vana la reazione dei laziali, contenuta senza difficoltà dai viola. A 2 minuti dalla fine l'unico "liscio" di Eliani permette a Nyers (II) di trovarsi solo a 5 metri da Costagliola; l'attaccante, invece di tirare, indugia e dà così modo ai difensori ospiti di allontanare il pallone.