Domenica 14 ottobre 1951 - Roma, stadio Torino - Lazio-Lucchese 3-0


Stagione

Turno precedente - Turno successivo

14 ottobre 1951 - Campionato di Serie A 1951/52 - VI giornata - Inizio ore 15:00

LAZIO: Sentimenti (IV), Antonazzi, Furiassi, Alzani, Sentimenti (V), Fuin, Puccinelli, Magrini, Flamini, Lofgren, Sukrü. All. Bigogno.

LUCCHESE: De Fazio, Remondini, Caprili, Maestrelli, Greco, Dell'Innocenti, Lucchesi, Gonzales, Tontodonati, Taiti, Scarpato. All. Andreoli.

Arbitro: sig. Matucci di Seregno.

Marcatori: 16' Puccinelli, 66' Lofgren, 68' Flamini.

Note: uno strappo muscolare costringeva Remondini, subito dopo il primo gol laziale, a confinarsi zoppicante all'ala sinistra. Maestrelli arretrava terzino destro, con Dell'Innocenti mediano destro e Scarpato mediano sinistro.

Spettatori: 30.000 circa.

Nella Lazio esordisce Lofgren nel ruolo di mezzo-sinistro. Alla sua prima prova in campionato il nordico ha soddisfatto forse al di là delle previsioni. Non tardava a presentarsi, al 3', con un'azione sulla sinistra e un passaggio radente al centro che, a seguito di una piccola confusione, gli ritornava sui piedi: non esitava allora a tirare e, da posizione molto angolata, sparava un traversone a mezz'aria che attraversava tutto lo specchio della porta perdendosi sul fondo dall'altra parte. Questo bastava per mandare in visibilio il pubblico biancoceleste accorso in fitte schiere per vederlo. Nei successivi minuti dell'incontro la buona impressione destata dal felice esordio si consolidava. Al 21' della ripresa, scattato poco oltre la metà campo, superava Greco buttandogli la palla sulla destra e scattando a sinistra. Caprili, accorso, interveniva sul pallone cercando di allungarlo indietro al portiere: ma andava proprio a incocciare la base del palo così che Lofgren poteva di slancio infilare la rete. Non era ancora finita che due minuti dopo lo stesso Lofgren, trovatosi quasi addosso a Flamini nel tentativo di controllare un passaggio di Sukru, aveva l'accortezza di lasciare libero il capitano che metteva a segno con un bel tiro nell'angolo basso. A qualche minuto dalla fine, agganciando quasi sul fondo una palla in piena corsa, con un misurato centro provocava un batti e ribatti che per poco non permetteva a Puccinelli di segnare, ma Caprili parava sulla linea. L'esordio di Lofgren non poteva avvenire sotto luce più rosea. Quanto al resto, la Lazio ha presentato una difesa assai decisa e sicura negli interventi, malgrado l'improvvisazione di Sentimenti V centromediano, resa necessaria dalla squalifica di Malacarne. Sentimenti IV, rimasto inoperoso fino alla seconda metà della ripresa, ha sfoderato poi una bella parata su tiro di Taiti da lontano, ed un intervento di Tontodonati da vicino che hanno riconfermato la buona prestazione di Palermo. L'azione di Tontodonati, poi, provocava un calcio d'angolo negli sviluppi del quale "Cochi" si produceva in una bella deviazione in tuffo su tiro di Scarpato. E proprio allo scadere del tempo il portiere laziale impediva ancora ai lucchesi di marcare il gol della bandiera deviando da terra un tiro schizzato fuori da una mischia: la palla si alzava a candela ma nella parabola discendente ci pensava Furiassi ad allontanarla. Sono stati questi gli unici momenti della difesa laziale. Per tutto il resto della gara l'attacco lucchese, sebbene ridotto a quattro uomini per l'infortunio di Remondini, ha brillato unicamente per il disordine e l'inconclusività. Messo fuori combattimento Remondini i soli che non hanno deluso sono stati Maestrelli, prodigatosi come difensore, e soprattutto De Fazio. Il tiro di Puccinelli, scoccato da fuori area in seguito ad azione personale al 16' del primo tempo ed infilatosi in rete a mezza altezza, a filo di montante, lo ha forse sorpreso. Ma De Fazio riscattava ampiamente quell'intervento a vuoto inchiodando a terra un bel tiro al volo di Sukru da vicino, al 21' del primo tempo, e intercettando nella stessa maniera al 16' della ripresa un altro tiro di Sukru, questa volta molto più forte. Due parate eccellenti per prontezza che hanno riconfermato le doti dell'estremo difensore.

Fonte: Corriere dello Sport